Corteo scuola, COBAS: «Nessuna minaccia di morte, ci tuteleremo nelle sedi opportune»

È quanto affermano in una nota i i Cobas Scuola Trieste: « Come Organizzazione Sindacale precisiamo che nessuna minaccia di morte è stata mai pronunciata da parte nostra nei confronti di qualsiasi persona o soggettività»

Riceviamo e trasmettiamo il comunicato da parte dei Cobas Scuola Trieste in replica all'articolo:  

Roberti: «Minacce di morte alla Lega da parte dei manifestanti»

«Apprendiamo dal sito internet Trieste Prima che sarebbero state fatte “Minacce di morte alla Lega da parte dei Cobas”. La notizia è stata pubblicata in data odierna. Come Organizzazione Sindacale precisiamo che nessuna minaccia di morte è stata mai pronunciata da  parte  nostra  nei  confronti  di  qualsiasi  persona  o soggettività. Tale  accusa  è  per  la  nostra Organizzazione denigratoria, diffamatoria ed altamente lesiva della nostra immagine e reputazione». È quanto affermano in una nota i i Cobas Scuola Trieste.

«La nostra Organizzazione - continua la nota -  si ritrova nei valori dell'antifascismo, che difende in ogni sede, e perciò nei valori della nostra Carta Costituzionale. La minaccia di morte, che viene in modo incredibile imputata genericamente ai Cobas, sarebbe stata proferita durante il corteo del 5 maggio a difesa della nostra scuola pubblica, laica e democratica. Tali accuse non corrispondono al vero e le smentiamo 5mag2015.corteo(FotoLucaMarsi)05categoricamente».

«Ci teniamo a precisare - sottolinea il sindacato - che abbiamo già contattato il nostro Ufficio Legale e ci tuteleremo nelle dovute sedi stante tale accusa infamante e lesiva della nostra reputazione».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Inoltre nell'articolo suddetto - conclude la nota - viene tirato in ballo per l'ennesima volta e in modo pretestuoso il professor Davide Zotti, esponente della nostra Organizzazione Sindacale e dell'Arcigay: precisiamo che lo tuteleremo nelle dovute sedi».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente mortale davanti al Red Baron: deceduta una ragazza di 22 anni

  • Stop al pieno oltre confine: la Slovenia mette il Fvg in zona rossa

  • Il ricordo di Sara, vittima della strada a soli 22 anni: "Un'anima pura"

  • La Slovenia blocca i viaggi all'estero

  • Coronavirus: 334 nuovi casi di cui 141 a Trieste, 3 decessi in Fvg

  • Scuole, didattica a distanza al 50%: la nuova ordinanza di Fedriga

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TriestePrima è in caricamento