menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Crisi Università Popolare, Roberti: «Supporto a comunità italiane in Slo e Cro»

«Solo quando avremo un quadro preciso della reale entità degli scompensi di bilancio, infatti, potremo stabilire la migliore strategia d'intervento»

«La Regione non farà mancare il proprio supporto alle comunità italiane in Slovenia e Croazia». Questa la posizione espressa dall'assessore a Politiche comunitarie e Corregionali all'estero, Pierpaolo Roberti, nel corso dell'incontro con la delegazione dell'Unione Italiana, guidata dal presidente Maurizio Tremul, avvenuto questo pomeriggio a Trieste.

Necessità di chiarezza

In merito alle difficoltà economiche in cui versa l'Università Popolare di Trieste, alla quale era affidata la gestione di una parte consistente dei contributi per le comunità italiane in Istria, l'assessore ha evidenziato che «la Regione è conscia della situazione di disagio generata da questa situazione ma, allo stesso tempo, è necessario che venga fatta chiarezza sull'intera vicenda. Solo quando avremo un quadro preciso della reale entità degli scompensi di bilancio, infatti, potremo stabilire la migliore strategia d'intervento».

De'Vidovich: "Da Fedriga ok a programmazione di Rosso Istria nelle scuole"

L'importanza delle comunità italiane

Rimarcando «l'importanza delle attività attuate dalle comunità italiane in Istria, in particolare attraverso gli istituti scolastici e le numerose iniziative in ambito sociale», l'assessore ha quindi confermato la valenza del dialogo tra le Regione e l'Unione Italiana e ribadito la volontà di individuare una soluzione alla mancata erogazione dei contributi gestiti dall'Università Popolare.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

La ricetta della torta mimosa per festeggiare le donne

social

Nasa: arriva la prima foto panoramica di Marte

social

'Enoteche d'Italia': la guida del Gambero Rosso premia anche Trieste

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TriestePrima è in caricamento