Politica

Cyberbullismo, Tuiach mette d'accordo tutti

Voto unanime per la mozione del consigliere leghista «vittima come la Boldrini e la Serracchiani degli attacchi del web». Pd e M5s precisano: «Favorevoli all'intento...»

«Il Consigli comunale impegna il sindaco a trovare un accordo con tutti gli attori portatori di interessi, al fine di informare gli studenti nelle scuole medie e nelle scuole primarie nonché nei ricreatori del Comune di Trieste, attraverso interventi di professionisti,  su quali siano i pericoli insiti nel fenomeno del cyberbullismo».

Questo l'impegno della mozione di Fabio Tuiach presentata lunedì in Consiglio comunale e votata favorevolmente all'unanimità da tutte le forze politiche, anche se «non ho avuto copia del testo emendato», ha ironizzato il consigliere Pd Marco Toncelli riferendosi all'esposizione "informale" della mozione da parte del consigliere leghista: «La Boldrini e la Serracchiani, ma anche io che sono stato vittima più di tutti qui a Trieste della violenza del web. Mi sono preso tantissimi insulti dagli esponenti dell’Arcigay perché ho dei valori fondamentali. Il giorno che è nato il mio terzo figlio, Jesus, mia moglie leggeva i commenti all’articolo di TriestePrima e piangeva, perché questi democratici pieni di odio e ce l’hanno con me. Io non piango come la Serracchiani, ma sarebbe bello andare a informare i ragazzi di questi pericoli».

«Nel cyberbullismo non c’è faccia a faccia tra vittima e aggressore. Il Senato ha approvato un disegno proprio sul tema per tutelare i minori», ha sottolineato Roberto Cason (Lista Dipiazza); «se già un ragazzo emarginato non vive bene, un ragazzo emarginato anche on line è un ragazzo che ulteriori problemi psicologici e va aiutato», ha poi aggiunto Manuela Declich (Forza Italia). Come detto anche l'opposizione si è trovata «favorevole al testo della mozione che va seguire percorsi già intrapresi a livello nazionale - ha sottolineato Giovanni Barbo (Partito democratico) -. Ma già noi per primi dovremmo pensare come ci esprimiamo in rete»; «il mio voto sarà positivo al di là delle parole del consigliere Tuiach», ha commentato Maria Teresa Bassa Poropat (Cittadini); infine anche Elena Danielis (Movimento 5 stelle) ha spiegato che il suo groppo «è favorevole all’intento, anche nella presentazione ci siamo persi su chi fossero i soggetti da proteggere, ma condividiamo il testo».

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cyberbullismo, Tuiach mette d'accordo tutti

TriestePrima è in caricamento