De' Vidovich: «Elezioni fasulle dei "rimasti"»

Il "leone" dalmata tuona contro Tremul. "Muovono appalti per 2 milioni di euro, soldi italiani".

«Dai risultati ufficiali delle elezioni dell’Unione italiana per il Presidente Ui, candidato unico Maurizio Tremul, e del Presidente dell’Esecutivo Marin Corva, apprendiamo che le Comunità di Zara e di Spalato non sono state riconosciute da Tremul e, quindi, hanno soci 0, anche se poi, curiosamente, risulta che Zara ha dato 3 voti a Corva e 16 al candidato dell’opposizione Sandro Damiani ed anche Spalato ha dato 17 voti ad uno e 19 all’altro». Così dichiara il presidente della Fondazione Rustia-Traine Renzo de’Vidovich.

«Resta il fatto che - continua il presidente - il candidato di Tremul ha ottenuto circa il 10% di voti ed anche lo stesso Tremul, candidato unico, ha avuto percentuali analoghe, per cui è difficile che lo Stato italiano versi 5 milioni di euro all’anno per una gestione così fallimentare, che non dura, come è detto falsamente nel comunicato ufficiale da 8 anni, bensì da 27 anni, cioè dal 1991 ad oggi, con artifici e cambiamenti di Statuto palesemente illegittimi».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«La disastrosa gestione di Tremul, - prosegue de'Vidovich - dimostrata dal numero così basso di votanti, impone allo Stato italiano il dovere di riprendere la proprietà di una cinquantina di immobili acquistati con i soldi dello Stato italiano ed intestati ad una società privata quale risulta essere l’Ui ed appare anche urgente -conclude - che la gestione di questi immobili, che muove appalti per oltre 2 milioni e mezzo di euro all’anno sia affidata, come nel resto del mondo, alle Ambasciate d’Italia a Zagabria e Lubiana e siano sottratte allo sparuto gruppetto di persone che gestiscono attualmente, sempre con i soldi dello Stato italiano, la stampa, la radio e gli altri mass media della nostra minoranza, con risultati semplicemente risibili».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La Slovenia blocca i viaggi all'estero

  • La segnalazione: "Il ponte sul canale prima o poi viene giù". Il Comune: "A novembre via ai lavori"

  • Focolaio in casa di cura ad Aurisina: 18 positivi a Pineta del Carso

  • Brutto incidente in via Fabio Severo, 18enne a Cattinara

  • Un asteroide potrebbe colpire la Terra il 2 novembre

  • Mai così alto il numero di nuovi casi in Fvg: 220 i contagi, a Trieste 56

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TriestePrima è in caricamento