Politica

Diritto d'autore, De Monte (Pd): «Vittoria contro i giganti del web»

«Chi produce informazione, cultura, arte, creatività ha il diritto al riconoscimento del proprio lavoro, che non può essere utilizzato gratis per macinare miliardi»

Fine alla deregulation

«Oggi vincono il lavoro, le persone e la buona informazione contro i giganti miliardari del web». Lo afferma l’eurodeputata del Pd e vice capodelegazione italiana Isabella De Monte, dopo il voto, oggi in Aula a Strasburgo, sulla nuova direttiva per la disciplina dei diritto d’autore, che «pone la parola fine alla deregulation totale su internet a favore esclusivamente delle grandi piattaforme online».

Le modifiche

Secondo De Monte, da tempo a favore della direttiva, che oggi ha sostenuto con il suo voto in Planaria nel gruppo S&D, «dopo l’estate sono state apportate al testo alcune modifiche che lo rendono più chiaro e che impediscono che venga ridotta la libera circolazione delle informazioni sul web tra persone a scopo non commerciale. Chi usa siti come Wikipedia, per fare un esempio, continuerà a farlo senza problemi. Ciò che cambia – sottolinea De Monte – è che i giganti del web, con fatturati miliardari, non potranno più sfruttare gratuitamente i contenuti prodotti da altri a scopo commerciale».

Riconoscimento del lavoro

«Chi produce informazione, cultura, arte, creatività – osserva De Monte – ha il diritto al riconoscimento del proprio lavoro, che non può essere utilizzato gratis per macinare miliardi. Questa direttiva pone un freno al far west sul web e permette finalmente di armonizzare le leggi in materia nei singoli Stati membri».

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Diritto d'autore, De Monte (Pd): «Vittoria contro i giganti del web»

TriestePrima è in caricamento