Disservizi, Gruppo Pd Comune replica a Presidente Cason: «Informarsi prima di parlare»

Il Gruppo dei consiglieri comunali del Partito democratico replica alle parole del Presidente della II Commissione (bilancio, imposte e tasse) Roberto Cason su software gestione Cosap costato 24.000 euro

Il consigliere Comunale per la Lista Dipiazza e Presidente della II Commissione (bilancio, imposte e tasse), Roberto Cason, durante l'ultima riunione congiunta delle commissioni II e III dello scorso venerdì 14 ottobre, aveva sollevato diverse questioni sul funzionamento del software di gestione del Cosap, a detta del presidente Cason, non adeguato all'utilizzo, malgrado «la cifra spropositata di 24.000 euro che era costato».

La replica dei Consiglieri del Partito Democratico del Comune di Trieste al presidente della Commissione Bilancio è arrivata attraverso una nota stampa: 

«Pensavamo che il consigliere Cason fosse il presidente della Commissione Bilancio e non di una commissione d’inchiesta finalizzata a mettere sotto accusa i dirigenti comunali e l’Amministrazione precedente».

«Tuttavia - continua la nota del gruppo di consiglieri del Pd - nel merito di alcune questioni sollevate venerdì 14 durante la riunione congiunta delle Commissioni II e III e riportate sia dal quotidiano “Il Piccolo” che dalla testata “Triesteprima” ci corre l’obbligo di fare alcune precisazioni: 24.000 euro non sono tanti per un software di gestione e in ogni caso forse il presidente non sa che la cifra pattuita ha passato il vaglio di un advisor, individuato con gara pubblica per l’impostazione e la revisione annuale del tariffario delle prestazioni della Società TCD a favore dei Soci Pubblici e per la valutazione di congruità delle offerte agli stessi (leggi): proprio in queste settimane è aperto il bando per la selezione del prossimo advisor, essendo quello attualmente in carica in scadenza;

Trieste Città Digitale è la scelta naturale, in quanto società in house del Comune (peraltro ne approfittiamo per ricordare al presidente Cason che a TCD la giunta Dipiazza bis ha rinnovato il contratto per la gestione del sito istituzionale per un tempo solitamente inusuale, ovvero 15 anni, dall’1/1/2011 al 15/12/2025, dimostrando quindi piena fiducia nell’operato della società);

il programma non fa ciò che auspicherebbe il presidente Cason, ovvero la contabilizzazione distinta del canone di concessione del suolo pubblico, semplicemente perché a suo tempo nessuno aveva previsto e richiesto questo tipo di funzioni: non è un caso, infatti, come ricordato in Commissione dal Direttore dell’Area Servizi Finanziari, che anche in bilancio la voce sia unica. In ogni caso, nulla toglie che oggi il Comune possa chiedere a TCD di prevedere anche queste funzioni: se non ricordiamo male, sta governando la maggioranza di cui fa parte il presidente Cason… senza dimenticare che l’efficacia di tutto ciò è subordinata al fatto che i pagamenti avvengano online;

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

non è vero che allo stato attuale non risulta alcuna agevolazione a favore degli esercenti: solo per citarne alcune a titolo esemplificativo, non sono soggetti a concessione o autorizzazione le occupazioni di suolo pubblico per interventi di pulizia o di manutenzione che abbiano durata inferiore alle 4 ore, idem quelle per le quali, con delibera di Giunta, in occasione di eventi di rilevante interesse, vengano stabilite, per incentivare la partecipazione, particolari facoltà di utilizzo del suolo pubblico. Tariffe agevolate sono previste per i dehors: ad esempio la superficie di occupazione per esercizi pubblici con licenza di somministrazione è computata ai fini della determinazione del canone solo per la parte eccedente i 5 metri quadrati, mentre è ridotta la tariffa per il mantenimento in loco di pedane e non sono considerate le tende poste a copertura di vetrine. Per non parlare di tutti i casi (sono troppi per elencarli), in cui è prevista l’esenzione totale del canone, o delle misure straordinarie a favore dell’edilizia e del wifi realizzabili nell’ambito di apposite previsioni di bilancio. Agevolazioni per la maggior parte stabilite dalla giunta Cosolini. È sempre buona abitudine informarsi prima di parlare».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Morto in Costiera, addio al presidente del gattile di Trieste Giorgio Cociani

  • Primo caso a scuola a Trieste, tre docenti e 21 alunni della Gaspardis in quarantena

  • Malore in acqua al Pedocin, morto bagnante di 56 anni

  • Malore in acqua, il giovane alpinista Gianni Cergol non ce l'ha fatta

  • Ubriaco spacca una bottiglia sul bancone del bar e aggredisce i colleghi: tassista triestino denunciato

  • Sfonda la porta di casa del cugino ai domiciliari e l'accoltella: arrestato

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TriestePrima è in caricamento