Il Dup bocciato dalla IV Circoscrizione, Bressan: «Nessuna risposta a nostre richieste« »

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di TriestePrima

Ieri in IV circoscrizione si è votato il DUP, Documento Unico di Programmazione, un documento raccoglie in sé piano generale di sviluppo, relazione previsionale e programmatica, programma triennale dell’opere pubbliche, programma triennale del fabbisogno del personale e piano delle alienazioni e valorizzazioni immobiliari. L’esito della votazione, conclusasi in parità ha visto l’espressione negativa a cui sono state accompagnate delle motivazioni per rendere più fattivo il contributo dato dal consiglio.

L’esito del voto – sottolinea il Presidente Luca Bressan – penso sia dettato da alcune legittime aspettative del nostro consiglio che non hanno ancora trovato risposta. Emblematico, al riguardo, è il caso dell’area verde di via della Cereria che ha trovato parzialmente risposta. Al momento, infatti, l’area è stata vincolata dal Piano Regolatore a restare un’area verde ma non sono stati messi in essere quei lavori, dall’importo esiguo, che permetterebbero una sua apertura al pubblico. L’intervento dovrebbe essere prioritario poiché si è costituito un comitato a difesa dell’area verde che è pronto a farsi carico della manutenzione dell’area nel pieno rispetto con i principi di sussidiarietà previsti dal Regolamento sul verde pubblico. A carico del comune resterebbero così solo un paio di interventi di potatura più grossi all’anno con il risultato di riaprire al pubblico uno spazio verde in zona molto centrale dove se ne lamenta la carenza. Luca Bressan-2

Altra fonte di perplessità – continua il Presidente Bressan - ha riguardato la manutenzione delle strade e dei marciapiedi. In tal senso abbiamo chiesto con le motivazioni a supporto del parere di pensare a destinare ancora un maggior numero di fondi per interventi di questo tipo che sono da programmare. Le zone che presentano problemi di questo genere sono molte e la necessità di tali lavori è resa ancor più necessaria per l’elevata età media della popolazione della città e quindi dei pedoni e per la presenza di molti veicoli due ruote lungo le strade.

Ad ogni modo – conclude Bressan - resto fiducios oper quando esprimeremo il voto sul bilancio vero e proprio.

Torna su
TriestePrima è in caricamento