Lunedì, 14 Giugno 2021
Politica

Economia: Comune di Trieste tra i più virtuosi in italia

L'amministrazione ha perfezionato una operazione di riacquisto e cancellazione di un prestito obbligazionario comunale, migliorando il rapporto tra entrate e stock del debito

Il Comune di Trieste in data, 31/7/2018, ha perfezionato una operazione di riacquisto e cancellazione di un prestito obbligazionario comunale (BOC) detenuto da una banca tedesca specializzata nel settore immobiliare e negli investimenti pubblici. L’operazione di gestione attiva del debito, rivolta al contenimento del debito e alla riduzione dei rischi finanziari, ha permesso al Comune di Trieste di ottimizzare le risorse finanziarie disponibili nel rispetto delle norme di contabilità armonizzata e dei vincoli di finanza pubblica.

L’operazione, nella sostanza, consiste nel rimborso anticipato di un prestito obbligazionario comunale (BOC) ventennale a tasso variabile, emesso nel 2005 e con scadenza 2025. Il titolo obbligazionario presenta attualmente un debito residuo di € 16.946.935,50. Con questa operazione il Comune di Trieste consegue un risparmio di spesa corrente per oneri finanziari attesi a servizio del debito permettendo, pertanto, il mantenimento degli equilibri di bilancio sulle annualità 2019 e seguenti.

«Il Comune di Trieste – dice il Sindaco - per raggiungere gli obiettivi di risparmio preposti aveva due strade: estinguere anticipatamente dei mutui in essere,principalmente con Cassa Depositi e Prestiti,pagando passivamente pesanti penali di estinzione anticipata previste dai contratti oppure, in alternativa, poteva attivarsi sul mercato internazionale dei capitali al fine di prendere contatto con i detentori dei prestiti obbligazionari comunali emessi a suo tempo dal Comune e negoziare le migliori condizioni possibili per il riacquisto dei Bond; questa Amministrazione non ha esitato ad optare per la soluzione che permettesse di ottenere il migliore risultato possibile per la Città di Trieste».

«L’amministrazione ha nuovamente ‘investito sul Comune di Trieste’ – spiega l’assessore comunale ai Servizi Finanziari Giorgio Rossi – acquistando il titolo obbligazionario emesso in passato dal nostro Comune si è raggiunto un duplice obiettivo: il contenimento della spesa e una riduzione del debito comunale».

«Non è stato facile ricercare e negoziare con tutte le banche che detenevano i titoli obbligazionari del Comune– continua l’assessore – una volta riscontrata una certa apertura e disponibilità da parte di una primaria banca estera si sono susseguiti diversi contatti telefonici tra il dirigente dell'Area Finanziaria, dottor Vincenzo Di Maggio, e i responsabili della banca al fine di negoziare i termini dell'operazione di riacquisto e cancellazione del prestito obbligazionario. Le condizioni pattuite tra le parti sono sicuramente di reciproca soddisfazione».

Il Comune di Trieste, in questa operazione, si è avvalso del supporto specialistico del consulente finanziario indipendente, dott. Enzo Faro della società Finance Active.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Economia: Comune di Trieste tra i più virtuosi in italia

TriestePrima è in caricamento