menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Edilizia, Serracchiani: «Da regione 55 milioni per la riqualificazione centri urbani»

Lo ha affermato la presidente della Regione Friuli Venezia Giulia Debora Serracchiani: «Investimento complessivo di 55 milioni di euro nel 2015 per indirizzare la riqualificazione centri urbani, il recupero degli immobili Ater ora sfitti, l'investimento sull'efficientamento energetico»

«Tra i primi settori produttivi a cui l'Amministrazione regionale ha dedicato la sua attenzione c'è l'Edilizia, nella convinzione che per affrontare e superare la crisi questo comparto rimane centrale e trainante, pur in un quadro di profondi mutamenti e riadattamenti».

Lo ha affermato la presidente della Regione Friuli Venezia Giulia Debora Serracchiani in occasione dell'Assemblea generale dell'Associazione Nazionale Costruttori Edili (ANCE) di Pordenone riunitasi al ridotto del Teatro Verdi.

Il bene casa e i processi di produzione di valore nel quadro di un mercato immobiliare alla prova del cambiamento è stato il tema attorno al quale si sono incentrati gli interventi, introdotti dal presidente dell'ANCE pordenonese Walter Lorenzon. Rispondendo al presidente regionale ANCE Valerio Pontarolo, che nella sua relazione aveva rilevato come «mai come in questi tempi recenti l'Associazione dei costruttori è stata ascoltata dall'istituzione Regione e ha potuto intervenire nel processo di definizione delle principali riforme del comparto», Serracchiani ha voluto ribadire come sia stato importante anche per la Pubblica Amministrazione il confronto con il mondo imprenditoriale.

«Abbiamo ascoltato l'ANCE del FVG perché c'era oggettivamente necessità di ascolto da parte nostra: questo percorso è sfociato nel Tavolo permanente sulla casa che ha dato vita a un Protocollo d'intesa che oggi ha già portato a concretizzare alcune azioni che abbiamo incentrato sul tema del Riuso e della Riqualificazione", ha affermato la presidente ribadendo però come una premessa imprescindibile, che "le politiche industriali non competono alla Regione. Alla Pubblica Amministrazione compete accompagnare le politiche indicate dalla vocazione di un territorio».

Serracchiani ha ricordato l'investimento complessivo di 55 milioni di euro nel 2015 per indirizzare la riqualificazione centri urbani, il recupero degli immobili Ater ora sfitti, l'investimento sull'efficientamento energetico. Non da ultimo, la presidente ha richiamato l'intervento da 8 milioni di euro sullo Housing sociale.

«Il Bando a valere sulla legge del Riuso sta andando molto bene, tanto che verranno stanziati ulteriori 10 milioni di euro nella legge di Stabilità. Ciò - ha richiamato la presidente - porterà il tesoretto a 20 milioni di euro complessivi».

Grazie all'ascolto delle associazioni di categoria, dei professionisti e dopo un'attenta disamina della situazione sociale attuale, Serracchiani ha ricordato come la «Regione sia intervenuta riadattando modelli di interventi già esistenti per dare risposte nell'emergenza o creandone di nuovi più rispondenti agli attuali bisogni».

Ricordando come anche la prossima legge quadro sulla Politica della Casa sarà da intendere come «ulteriore segnale di attenzione al settore, perché contribuirà a semplificare i riferimenti normativi», Serracchiani ha concluso l'intervento citando anche il sostegno con fondi regionali alle casse integrazioni del sistema della Cassa Edile nel momento di massima crisi. «Un intervento di cui andiamo molto orgogliosi perché si tratta di uno strumento adottato dal Friuli Venezia Giulia per la prima volta e che poi è stato fatto proprio dalla Cassa Edile nazionale e riproposto su scala italiana».

All'Assemblea, le cui conclusioni sono state tratte dal presidente nazionale dell'ANCE Claudio De Albertis, sono intervenuti anche il rettore dell'Università di Udine Alberto Felice De Toni, il segretario ANCE di Pordenone Giovanni Bozzo ed Emanuele Parpinelli, direttore generale Sacilese Vetraria che ha portato la testimonianza di un'Azienda innovatrice.


Infine, Sergio Maset, direttore di Idea Tolomeo, ha presentato i risultati dell'indagine realizzata per l'Ance di Pordenone sulle nuove prospettive dell'abitare e la riattivazione del mercato. A conclusione della presentazione dei dati, Maset ha indicato come sia centrale «favorire i processi di sostituzione delle abitazioni, tenendo conto di diverse priorità - generazionale, sociale, territoriale - e rimuovere i freni alla ricerca di una nuova casa».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

"Brodo brustolà", antica ricetta della tradizione contadina triestina

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TriestePrima è in caricamento