Elezioni politiche

Bocciate quattro liste: il tribunale stoppa animalisti, Pappalardo e neofascisti

La decisione è stata presa dalla Corte d'Appello di Trieste. Sedici le liste ammesse alle elezioni politiche che avranno il culmine nel 25 settembre, giorno in cui l'Italia torna alle urne

TRIESTE - Secondo quanto deciso dalla Corte d'Appello di Trieste, sono sedici le liste ammesse alle lezioni politiche previste per il 25 settembre 2022. Di queste otto appartengono alle due coalizioni: Forza Italia, Fratelli d'Italia, Lega e Noi Moderati per il centrodestra, Partito Democratico, +Europa, Verdi-Sinistra e Impegno Civico per il centrosinistra. Partecipano in autonomia Movimento 5 stelle, Azione-Italia Viva, Unione Popolare, Per l'Italia con Paragone, Vita, Mastella - Noi di Centro, Italia Sovrana e Popolare e Alternativa per l'Italia - No Green Pass.

Elezioni 2022: ecco quali sono i nomi dei candidati in Fvg

Quattro liste alla Camera e tre al Senato sono state bocciate per la mancanza di firme: si tratta di Gilet Arancioni e Partito Animalista per entrambe le Camere. Destre Unite, che si era proposta solo per palazzo Madama, Forza Nuova e Partito Pensiero e Azione, presenti solo per Montecitorio. Sono stati annunciati ricorsi alla Corte di Cassazione, che si esprimerà entro due giorni. Domenica o lunedì ci sarà l'estrazione per stabilire l'ordine dei simboli nella scheda.

Campagna elettorale

Ancora incerte le agende dei leader di partito che dovrebbero venire in Friuli Venezia Giulia per la campagna elettorale. Il leghista Matteo Salvini è atteso per un primo passaggio in regione il 5 settembre a Marano Lagunare, ma si ipotezza già un ritorno a ridosso della data delle elezioni. Giorgia Meloni, leader Fratelli d'Italia, potrebbe essere a Udine l'8 o il 9 settembre a Udine, in occasione di Friuli Doc. Tra le maggiori forze politiche sono questi gli appuntamenti ipotizzati, almeno fino a qusto momento. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bocciate quattro liste: il tribunale stoppa animalisti, Pappalardo e neofascisti
TriestePrima è in caricamento