rotate-mobile
Politica

Unione Italiana, Tremul presidente

I commenti del neoeletto presidente dell'Unione Italiana Maurizio Tremul e di Sandro Damiano, uscito invece sconfitto dalle elezioni del Presidente della Giunta Esecutiva Ui

«A scrutinio terminato e alla luce dei risultati complessivi del voto per il rinnovo dell’Assemblea e dell’elezione dei Presidenti dell’Unione Italiana, desidero ringraziare di cuore tutte le e tutti i connazionali che si sono recati ieri, domenica 8 luglio 2018, alle urne. Vi ringrazio per la fiducia dimostratami e per quella riservata a Marin Corva, neoeletto nuovo Presidente della Giunta Esecutiva dell’Unione Italiana. Già oggi ci metteremo subito al lavoro per iniziare ad attuare il programma della Lista “Uniti Per L’Unione”, nel farlo chiederemo l’aiuto, il coinvolgimento e la partecipazione di tutte e di tutti voi». Questo il commento di Maurizio Tremul su Facebook il giorno dopo la sue elezione a Presidente dell'Unione Italiana. 

«Ci aspetta un importante lavoro da fare, ispirati ai valori e ai principi che hanno portato alla creazione della nuova Unione Italiana nel 1991, nel solco della continuità e del necessario indispensabile rinnovamento. La mia gratitudine - conclude il neoeletto presidente - va anche agli organi preposti alle elezioni, sia alla Commissione Elettorale Centrale e al Comitato Generale di Controllo dell’UI, sia a quelle delle CI: grazie sinceramente per il lavoro fatto».

Parole di sconforto arrivano invece dal candidato uscito sconfitto dalle elezioni del Presidente della Giunta Esecutiva dell’Unione Italiana, Sandro Damiani, che in un post sul suo profilo Facebook dichiara: «2.032 voti su 5113. Grazie. Mi scusino gl'insabbiati. Stante lo Statuto, non vi posso rappresentare da nessuna parte. Mi spiace».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Unione Italiana, Tremul presidente

TriestePrima è in caricamento