Sanità, Ussai (M5S): «Troppi accessi a Cattinara: manca il "filtro" per i codici bianchi»

«Meglio tardi che mai!» è il commento del portavoce del MoVimento 5 Stelle Andrea Ussai alla lunga lista di interventi che l'Esecutivo regionale ha promesso di mettere in campo per cercare di correggere una situazione sempre più pesante

«Per la prima volta la Giunta Serracchiani ha ammesso pubblicamente la manifesta insufficienza delle dotazioni organiche del Pronto soccorso di Cattinara e dei quattro presidi ospedalieri dell'AASn°2 "Bassa Friulana - Isontina». Il sovraccarico di pazienti è talmente evidente che l'assessore Telesca ha dovuto parlare infatti apertamente di «criticità nella dotazione di personale presenti da molti anni».

«Meglio tardi che mai!» è il commento del portavoce del MoVimento 5 Stelle Andrea Ussai alla lunga lista di interventi che l'Esecutivo regionale ha promesso di mettere in campo per cercare di correggere una situazione sempre più pesante. «È ormai evidente a tutti - e non solo ai pazienti - che il numero di accessi al Pronto soccorso di Cattinara è in costante aumento. Una situazione che, oltre a costringere molti cittadini ad attese lunghissime, porta inevitabilmente all'aumento del verificarsi di errori e quindi di rischi per la salute dei pazienti e degli stessi operatori sanitari. Apprezziamo - aggiunge il portavoce del M5S - che si sia fatto un piano di intervento per fronteggiare l'emergenza. La speranza è che questi ulteriori correttivi abbiano finalmente il risultato sperato».

«Resta intatta però la preoccupazione per l'incremento incontrollato degli accessi. È evidente che a Trieste il fenomeno è dovuto soprattutto all'età sempre più avanzata dei pazienti, ma questi dati dimostrano anche in modo inconfutabile che manca ancora quel rafforzamento del territorio, distretti sanitari e ruolo dei medici di Medicina generale, tanto promesso con la riforma sanitaria. "L'azione di "filtro" per i codici bianchi infatti - conclude Ussai - di fatto oggi ancora non si vede».

«Questa Amministrazione continua a lavorare con impegno e serietà per affrontare e risolvere problemi incancreniti da anni. Se lo potessimo fare con una maggiore collaborazione di tutti coloro che hanno a cuore la sanità sarebbe molto più utile per tutti i cittadini». Sono le parole dell'assessore regionale alla Salute Maria Sandra Telesca che replica al consigliere regionale del Movimento 5 Stelle Andrea Ussai, il quale è tornato a denunciare dotazioni organiche insufficienti per il pronto soccorso dell'ospedale di Cattinara a Trieste. Proprio ieri l'assessore aveva risposto in Consiglio regionale a un'interrogazione a risposta immediata su questo tema, illustrando i numeri anomali degli accessi al pronto soccorso nell'Azienda sanitaria universitaria integrata di Trieste (+13,1 per cento a Cattinara e +9,1 per cento all'ospedale Maggiore contro il +1 per cento a livello regionale nel periodo gennaio-aprile 2016) e le misure già attuate e quelle concordate con operatori e sindacati per fronteggiare la situazione. «Il consigliere Ussai, che in aula ha ammesso come problemi irrisolti da anni vengono ora affrontati e che molto si sta facendo in questo senso - conclude Telesca - non rinuncia poi alla tentazione della propaganda a buon mercato».

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Piano cottura ad induzione: vantaggi, costi e consumi

  • Aggressione a colpi di martello a Ponziana, due persone a Cattinara

  • Giovane di 15 anni confessa l'accoltellamento: l'accusa è di tentato omicidio

  • Le salme di Matteo e Pierluigi arrivate in Questura, allestita la camera ardente

  • Come arredare un monolocale sfruttando gli spazi in maniera ottimale

  • Investimento sulle strisce in viale Miramare: grave una donna

Torna su
TriestePrima è in caricamento