rotate-mobile
Mercoledì, 19 Giugno 2024
Elezioni comunali 2016

Mobilità più sicura, Menis (M5S): «Renderemo Trieste una città ciclabile»

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di TriestePrima

«Rendere Trieste una città ciclabile, sicura per chi si muove sui pedali e officina di una nuova mobilità. Sono questi i punti sui quali il candidato sindaco del M5S Paolo Menis e l’associazione di ciclisti urbani Ulisse-Fiab si sono trovati in perfetta sintonia nel corso dell’incontro avvenuto ieri nella sede di Ulisse in via del Sale. Come ha dimostrato un recente sondaggio, realizzato dalla Swg, in città sono 3500 le persone che usano abitualmente la bici per gli spostamenti, mentre sono 35000 quelle che potenzialmente la userebbero se la città fosse più “friendly” con i ciclisti urbani». Lo rileva in un comunicato alla stampa il candidato sindaco del Movimento Cinque Stelle Paolo Menis.

«Una moltitudine di persone che hanno esigenze che vanno ascoltate – secondo Paolo Menis – e alle quali vanno date risposte soprattutto sul piano della sicurezza, perché quando ci si muove sulle due ruote è questa la questione fondamentale. Da qui anche la richiesta di Ulisse di zone 30. Secondo Menis molte strade del centro città si prestano a questa operazione, e sono interventi a costo zero o quasi».

«Infatti, come osservato dal direttivo di Ulisse, a volte, per rendere più facile la vita ai ciclisti è sufficiente intervenire sulla segnaletica orizzontale, non servono grandissimi investimenti. Molto c’è da fare anche sulla mentalità e sul senso civico degli automobilisti a volte basterebbe semplicemente - per l’esponente del M5S - far rispettare il codice della strada ed intervenire con rimozioni e multe puntuali contro chi parcheggia in divieto di sosta».

«L’idea, quindi, è sempre più quella di una Trieste con meno automobili possibili in centro e più parcheggi nelle zone limitrofe dove lasciare l’auto, per poi recarsi in centro in bici o con i mezzi pubblici, pensando anche a delle convenzioni con Trieste Trasporti o all’introduzione di bike bus dedicati.

Apertura di Paolo Menis anche sulle pedonalizzazioni, che però devono garantire l’accessibilità anche alle persone disabili, altrimenti non hanno ragion d’essere, mentre il cicloturismo deve fare da volano anche economico per la città, migliorando i servizi e i percorsi per chi viene da fuori. Una novità per Trieste, invece, potrebbe essere quella del “bike to work”, il sistema che premia, economicamente e non solo, chi usa la bici per andare al lavoro: un sistema incentivante – ha sostenuto Menis – che deve essere concordato anche con le grandi aziende presenti sul territorio e che deve essere pianificato, come tutte le altre azioni sul traffico e la mobilità, insieme ai Mobility manager aziendali, figure con le quali questa amministrazione non ha, secondo noi, interagito».

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Mobilità più sicura, Menis (M5S): «Renderemo Trieste una città ciclabile»

TriestePrima è in caricamento