menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Elezioni 2016 - Periferie, le idee dei candidati sindaco

Sesta intervista "multipla" ai candidati a sindaco delle amministrative del 5 giungo: "Molti lamentano un "impoverimento" delle periferie dal punto di vista dei servizi: quali idee per rivalutare zone che stanno perdendo "vita"?" (Cliccando sul nome del candidato è possibile vedere la sua video-presentazione)

cariniFABIO CARINI (Startup Trieste)

Le periferie di Trieste, troppo spesso dimenticate soprattutto negli ultimi anni, devono poter contare su un assessore a loro dedicato, che abbini questa delega a quella sul commercio, per sostenere il reinsediamento agevolato e fiscalmente sgravato delle attività commerciali primarie nelle aree meno servite. Vanno poi ripristinati anche i servizi nelle zone meno centrali, sportelli, abulatori e uffici, molto utili ai cittadini, soprattutto ai più anziani che hanno difficoltà a muoversi.

Cosolini Facebook PaginaROBERTO COSOLINI (Partito democratico, Verdi-Psi, Sinistra ecologia e libertà, Insieme per Trieste, Trieste città solidale e Slovenska skupnost)

Molti sono gli interventi di riqualificazione degli spazi pubblici nelle aree centrali della città avviati o attuati negli anni scorsi. Continueremo il processo intrapreso, ma intendiamo anche riqualificare il cuore di quartieri e rioni più esterni per dotare le diverse parti della città e i borghi sull’altipiano di nuovi spazi pubblici e di aggregazione. Vogliamo, riportare le periferie al centro della vita sociale, culturale e ricreativa della città. A Borgo San Sergio nascerà un nuovo parco agricolo e urbano; ad Altura realizzeremo la nuova sede del programma Habitat-Microaree e la riqualificazione di percorsi pedonali, aree verdi, attrezzature per lo sport; a Rozzol Melara interverremo sul “quadrilatero” e con un  progetto volto a migliorare la mobilità e la sicurezza. Inoltre intensificheremo gli interventi di manutenzione di strade e marciapiedi e degli spazi verdi pubblici, creeremo nuovi parcheggi e metteremo in sicurezza i percorsi pedonali e ciclabili. 

DipiazzaROBERTO DIPIAZZA (Forza Italia, Lega Nord, Partito Pensionati, Lista Dipiazza, Fratelli d'Italia e Lista Stop prima Trieste)

Le periferie sono il motore di Trieste. I Rioni in questi anni sono stati abbandonati a loro stessi e quindi necessario risolvere rapidamente le situazioni di degrado per riportarli a nuova vita. Nei rioni le persone devono poter vivere in sicurezza, socializzare ed essere orgogliosi del proprio quartiere. Siamo stati per anni, con l’Amministrazione Comunale da me guidata primo per la qualità della vita e presi ad esempio dagli altri Comuni italiani. Ora siamo tra gli ultimi posti. Il 5 giungo si può voltare pagina.

maurizio-fogar-2-2-2MAURIZIO FOGAR (No Ferriera Sì Trieste)

(Stessa risposta della domanda sul Porto Vecchio) Le fortune di Trieste sono legate al Porto. Oggi con la piattaforma logistica bloccata dalla discarica abusiva della Ferriera e con la necessità di riservare tutte le già piccole aree che si affacciano sul mare alla portualità. Non serve una speculazione immobiliare in una città che oltre 18.000 appartamenti attualmente vuoti e sfitti.

iztok-furlanic-2-2-2IZTOK FURLANIC (Sinistra unita)

In questi anni vi è stato il disinteresse per la città che esiste, vive e lavora fuori dal centro. Vanno creati e manutenuti regolarmente gli spazi pubblici dedicati alla socialità locale: spazi verdi attrezzati, feste rionali, semplificazioni burocratiche per le piccole iniziative commerciali oggi soffocate dai centri commerciali. I servizi comunali devono avere lo stesso livello di efficienza che in centro città. Da pensare nuove pedonalizzazioni e viabilità modificata in alcuni centri abitati del Carso.

marchesich-2GIORGIO MARCHESICH (Fronte per l'indipendenza)

Attualmente le istituzioni cittadine sono assenti non solo nelle periferie, ma in tutta la città. Basti pensare che spesso e volentieri la cosidetta movida viene repressa invece di programmarla e gestirla. Innanzitutto nelle periferie andrebbero riaperti i centri civici in primis a favore delle persone anziane e poi di tutta la cittadinanza ivi residente. Poi bisognerebbe incrementare iniziative (sportive, culturali e sociali)  per coinvolgere il più possibile i residenti. La pulizia e la cura del verde (oggi inesistente) andrebbero incrementate.

paolo menis-4PAOLO MENIS (Movimento 5 Stelle)

Per ridare vita alle periferie è fondamentale rivitalizzare il piccolo commercio locale, che è spesso il cuore pulsante dei rioni e funge anche da rete sociale e di presidio del territorio dal punto di vista della sicurezza. Per fare siamo già riusciti qualche mese fa a modificare il regolamento dei tributi locali prevedendo la diminuzione della TARI per coloro che prenderanno in affitto un locale commerciale sfitto da oltre 3 anni. Da sindaco finanzierò questa misura. Poi pensiamo alla creazione di un tavolo permanente con la Camera di commercio e le associazioni di categoria per la definizione di altre politiche di sostegno al piccolo commercio.

vito potenza-2VITO POTENZA (Lista Vito Potenza)

Le periferie vanno rilanciate ripopolandole. Al punto 3 abbiamo proposto la delocalizzazione della movida. Pensiamo che gli ipermercati vadano depotenziati e sia necessario rilanciare il commercio di quartiere,ossia quel  servizio di prossimità che potrebbe ricostituire  la figura del commerciante specializzato e di fiducia.

rosolen-3ALESSIA ROSOLEN (Un'Altra Trieste Popolare)

Sotto il profilo della sicurezza, sono proprio le periferie a richiedere uno sforzo specifico. Per il resto, proponiamo un potenziamento del trasporto pubblico locale, con corse gratuite per gli over 65 verso alcune destinazioni, mercati rionali e la difesa del piccolo commercio con contributi specifici, in contrapposizione allo strapotere della Grande Distribuzione.

marino-sossi-3-2-2MARINO SOSSI (Sì-Sinistra per Trieste)

Riequilibrio delle attenzioni del Comune per alcune zone centrali in degrado ( Piazza Goldoni ),le zone di prima periferia e periferia sostenendo il piccolo commercio, i negozi di vicinato, e favorendo la costituzione di centri di aggregazione e vita sociale. Riqualificazione di aree predefinite, prevedendo zone pedonali attrezzate. Potenziamento delle Microaree nei quartieri più complessi e degradati.

nicola-sponza,-candidato-sindaco-di-uniti-per-trieste-2NICOLA SPONZA (Uniti per Trieste)

Per quel che concerne le periferie abbiamo incominciato una serie di reportage, assieme ai concittadini, nei quli individuiamo le criticità di tutti i rioni di Trieste. Grazie a questi sopraluoghi siamo ingrado di vedere quelli che sono i problemi che vanno risolti.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Festa della mamma: origini e curiosità

social

Giro d'Italia 2021: tre le tappe in Friuli Venezia Giulia

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TriestePrima è in caricamento