Elezioni comunali 2016

Polizia locale, Uniti per Trieste: «Nostro obiettivo potenziarla, almeno 100 unità in più»

Uniti per Trieste intende potenziare la Polizia Locale di Trieste e mantenerla sotto il controllo del comune. Obbiettivo primario deve essere quello di garantire la copertura del servizio 24 ore su 24, 365 giorni all'anno.

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di TriestePrima

Ieri sera l'avvocato Nicola Sponza ha incontrato un rappresentante del sindacato UGL, della Polizia Locale di Trieste. Questo incontro è parte di una serie di appuntamenti che Uniti per Trieste sta portando avanti con lo scopo di capire quali sono le problematiche reali delle categorie che si interfacciano con la municipalità triestina. La polizia locale è l'unica forza dell'ordine sotto il controllo del primo cittadino; in virtù di questo riteniamo che sia fondamentale individuare le criticità con le quali questo corpo deve interfacciarsi giornalmente. Ci è stata fatta una panoramica generale su quelli che sono i problemi della categoria, abbiamo affrontato quelle che sono le paure relative alla manovra regionale che prevede il passaggio da comune a UTI e infine abbiamo ascoltato quelle che erano le posizioni della UGL su alcune tematiche sensibili. Uniti per Trieste vuole proporre alcune riflessioni che partono dagli spunti offertici da questo incontro. Riteniamo che l'istituzione delle UTI, e il passaggio della polizia locale sotto il controllo di questo nuova istituzione, sia un grosso problema per la gestione della sicurezza cittadina. I problemi derivanti dal passaggio da comune a UTI che si riflettono sulla polizia locale sono moltissimi, ma i più rilevanti sono i seguenti:

-La polizia locale delle UTI dovrebbe essere totalmente bilingue, e dovrebbe essere capace, sia d'interloquire, sia di fare verbali in italiano e sloveno, cosa impossibile in tempi brevi e senza penalizzare il servizio.

-Il territorio di competenza della polizia locale diventerà molto più esteso, con i conseguenti problemi dovuti alla mancanza di personale.

-Tutti i beni della polizia locale dovranno passare dal comune alle UTI, creando una macchina burocratica enorme che sfocerà in disservizi inevitabili. Viste queste condizioni, riteniamo che il futuro sindaco della città debba imporsi a livello regionale, per bloccare l'entrata in vigore di questo ente che nasce solo per coprire il vuoto lasciato dalle province.

Altro tema trattato è quello delle condizioni in cui versa la polizia locale. Parliamo di un corpo i cui componenti hanno un'età media 50 anni, senza contare il fatto che l'organico negli ultimi 10 anni ha perso oltre 100 unità. I sacrifici degli attuali agenti sono quindi evidenti, lasciati a se stessi da varie amministrazioni sciagurate. Le dotazioni poi sono molto scarse: basti pensare che la polizia locale triestina è l'unica in regione a non aver in dotazione armi da fuoco.

Uniti per Trieste intende potenziare questa forza di polizia e mantenerla sotto il controllo del comune. Obbiettivo primario deve essere quello di garantire la copertura del servizio 24 ore su 24, 365 giorni all'anno. Per fare ciò si rende necessario un aumento del personale di almeno 100 unità, riportando la quota degli agenti a quella di 10 anni fa. Questo permetterebbe d'implementare il turno notturno, assolutamente necessario per garantire la sicurezza di cui ha diritto il cittadino. La ronda notturna può implicare maggiori rischi per gli agenti: riteniamo dunque necessario lo stanziamento dei fondi necessari ad armare e addestrare gli operatori nella migliore maniera possibile. Dopo le elezioni, il sindaco avrà il dovere morale d'impegnarsi per far concludere i lavori delle opere delle caserme praticamente finite presenti nella nostra provincia, in stand by da troppo tempo. Con pochi interventi la polizia locale in breve tempo avrebbe finalmente strutture a norma di legge dove trasferire i propri uffici, lasciando al comune Palazzo Carciotti per la sua riqualificazione. Per affrontare i problemi di sicurezza della città è fondamentale essere tutti Uniti per Trieste.

Uniti per Trieste, liberi di fare la differenza

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Polizia locale, Uniti per Trieste: «Nostro obiettivo potenziarla, almeno 100 unità in più»

TriestePrima è in caricamento