Martedì, 19 Ottobre 2021
Elezioni comunali 2016

Carso, Uniti per Trieste: «Regione Udine-centrica, peculiarità triestina non valorizzata»

Il Carso ha delle potenzialità enormi che vanno tutelate e valorizzate. è un territorio molto particolare, con necessità e problemi diversi da quelli che vengono avvertiti in città. Uniti per Trieste propone un assessorato al Carso, che avvicini il comune al territorio.

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di TriestePrima

Trieste è una città unica al mondo.

Qualsiasi persona abbia la fortuna di visitarla, rimarrà stupita dalle innumerevoli sfaccettature che contraddistinguono il capoluogo triestino.

Se ci trovassimo in cima al molo Audace e decidessimo di guardare tutt'attorno a noi, il nostro sguardo incontrerebbe il mare, la città con la sua splendida architettura asburgica e una cornice naturale magnifica, il Carso triestino.

Il Carso non è solamente uno splendido confine per la città, ma è una naturale estensione della stessa, reale ponte naturale tra il Centroeuropa e il porto di Trieste. Questo connubio tra mare e montagna offre attrattive di ogni tipo che spaziano dalla cultura locale, alla natura carsica, unite alla famosa enogastronomia locale.

Nonostante tutte queste fantastiche peculiarità il Carso triestino ha molti problemi.

Grazie alle Osmize si sono sviluppate negli anni delle importantissime aziende agricole che, con l'unicità dei prodotti offerti, si sono imposte sui mercati con grande forza. Queste realtà tuttavia, a causa del poco peso politico che esercita Trieste su di una regione Udine-centrica, sono poco tutelate, sia per trovare terreni coltivabili, sia per la mancanza della difesa e del riconoscimento in campo internazionale dei prodotti tipici e di quelli di denominazione d'origine protetta, come successo con i casi del Prosecco e del Terrano.

I problemi dell'altipiano non riguardano però solamente il lato economico. A causa della mancanza di controlli da parte delle autorità preposte (voluta o meno), le grotte e gli avvallamenti carsici sono state ridotte a discariche di materiali che vanno dall'immondizia comune ai rifiuti tossici. La bonifica di questi luoghi andrebbe fatta con estrema urgenza, ma sembra che questo problema non sia minimamente sentito ne dall'attuale amministrazione, ne dalle precedenti.

Ai problemi economici e ambientali va aggiunto quello culturale. La comunità slovena, blandita da decenni con vuote promesse o favori a una ristretta cerchia di persone, si trova assediata da luoghi comuni e una mentalità ancora legata alla propaganda fascista che promuove il "divide et impera". A seconda dei casi il carsolino o il triestino sono mostrati come dei mostri alle comunità, per evitare che si uniscano. Le tutele verso i carsolini sono minime e mostrate molte volte come "gentile concessioni" da parte dello stato italiano, che dovrebbe invece garantirle come da accordi internazionali da esso sottoscritti. Invece di far conoscere la comunità slovena alle altre che abitano Trieste attraverso eventi culturali, corsi di sloveno o facilitando l'integrazione, le amministrazioni che si sono susseguite hanno continuato ad appoggiare chi gridava "no al bilinguismo" e le loro idee, eredi politici diretti del ventennio che tanti danni ha fatto in queste zone.

Il Carso è un territorio molto particolare, con necessità particolari e problemi particolari diversi da quello che vengono avvertiti in città.. Per questo motivo proponiamo l'istituzione di un assessorato al Carso, presieduto da una persona della comunità carsica, in modo tale da poter garantire un riferimento diretto tra il comune e i carsolini. Finalmente si potrebbe dare voce a quei concittadini che di voce ne hanno avuta sempre troppo poca.

Il Carso ha delle potenzialità enormi che vanno tutelate e valorizzate, dobbiamo unirci con i nostri concittadini carsolini perché solo Uniti per Trieste, cambieremo le sorti della nostra città.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Carso, Uniti per Trieste: «Regione Udine-centrica, peculiarità triestina non valorizzata»

TriestePrima è in caricamento