Elezioni comunali 2016

Verdi-Psi: «Premiato il nostro lavoro sul territorio, con noi periferie protagoniste»

Conferenza stampa questa mattina della lista Verdi-Psi. In caso di elezione di Cosolini alla bicicletta andranno 3 seggi

Conferenza stampa questa mattina indetta dai segretari del Psi Gianfranco Orel e dal segretario regionale dei Verdi Alessandro Claut, in vista del ballottaggio di domenica. In caso di vittoria di Roberto Cosolini, Psi e Verdi avranno una rappresentanza di ben 3 consiglieri comunali, ridotta ad una sola presenza in caso di vittoria di Roberto Dipiazza.

«Il voto di simpatia e di speranza che è stato dato alla bicicletta Psi-Verdi - riferisce Gianfranco Orel – segretario cittadini del Psi – rappresenta un voto della gente e del popolo anche in considerazione del fatto che il numero delle preferenze rispetto ai voti totali di lista nel nostro caso è molto basso, a differenze di altri partiti come il Pd o Sel. Questo significa che dobbiamo far tesoro di questa indicazione della gente e fare una politica del territorio e delle periferie che vuol dire maggior lavoro al di fuori del palazzo se i nostri rappresentanti saranno eletti sulla base della vittoria di Cosolini, a contatto con la gente».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Tra i punti principali portati avanti in campagna elettorale dai socialisti, in primis la scuola. «Per scuola – continua Orel – ci riferiamo dagli asili nidio fino alle grandi istituzioni scientifiche che arricchiscono il nostro territorio. Per cui questo è un problema complessiva, che dovrà essere necessariamente sviluppato perché questo p il maggior patrimonio che ha il Comune di Trieste».

«Sulle Uti – conclude Orel – il discorso è completamente aperto perché ci sono in ballo molte variabili, come la recente senza del Tar che ha dato ragione ai sindaci. La regione quindi non può costringere, attraverso dei Commissari, a far parte delle Uti. Ricordo anche il progetto di abrogazione delle Uti presentato da diversi sindaci friulani e contestualmente alla creazione della Provincia autonoma del Grande Friuli e di Trieste».

«I punti che porteremo avanti - riferisce invece Alessandro Claut – portavoce regionale dei Verdi – sono in primis quello di avanzare la proposta di off-shore finanziario, usando agevolazioni fiscali e le esenzioni delle zone e dei punti franchi del Porto Vecchio e non solo. Nostra volontà è quello di creare un impianto multi-disciplinare di sport minori nel Porto Vecchio. Necessità assoluta inoltre di ridiscutere con Hera per evitare che ci siano ulteriori bollette pazze, con costi stimati di decine, centimana di euro al mese che i cittadini non hanno mai consumato».

Per quanto concerne la nomina di Pierluigi Barbieri a nuovo assessore all’Ambiente, sembra che la biciletta non sia stata preventivamente contattata ma «la scelta ci convince. È un ottimo tecnico che saprà svolgere al meglio il suo lavoro».

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Verdi-Psi: «Premiato il nostro lavoro sul territorio, con noi periferie protagoniste»

TriestePrima è in caricamento