Lavoro, Razza (Lega): «Pd preferisce sperperare soldi per ferriera che investire in occupazione»

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di TriestePrima

Non passa settimana senza che si senta parlare di crisi e di problemi occupazionali a Trieste. L’ultima notizia, in ordine cronologico, riguarda il taglio di 90 posti alla Wartsila, a evidenziare ancora una volta quanto la nostra città non risulti più appetibile come location per sviluppare attività industriali e commerciali.

Una responsabilità interamente attribuibile alla sinistra che, pur disponendo di un’ampia maggioranza a ogni livello di governo, non ha mosso un dito per sviluppare strategie utili quantomeno al mantenimento, se non addirittura al miglioramento, delle condizioni di vita di un territorio come il nostro, posto a dura prova dalla caduta dei confini e dall’imposizione fiscale slovena e austriaca che, come noto, è di gran lunga inferiore a quella italiana.

Il paradosso è dunque che, mentre le imprese licenziano o delocalizzano e i negozi chiudono, il Partito Democratico non si preoccupa di introdurre misure fiscali utili al rilancio degli investimenti, ma sperpera invece milioni di euro per mantenere in vita una realtà come la Ferriera.

L’unica buona notizia è che, tra un mese, almeno l’amministrazione comunale cambierà ‘colore’: un primo deciso passo verso la liberazione del Paese da una classe dirigente irresponsabile.

Radames Razza
vicesegretario Lega Nord Trieste

I più letti
Torna su
TriestePrima è in caricamento