Politica

Emergenza cinghiali, Ziberna (FI): «Caccia unica soluzione per arginare il problema» 

Interrogazione del vicecapogruppo di Forza Italia in Consiglio regionale, Rodolfo Ziberna, sulla difficile situazione determinata dal proliferare dei cinghiali

Ziberna chiede alla Giunta di sburocratizzare l'attivit? di prelievo e di contenimento della proliferazione consentendo l'abbattimento in deroga per la maggior parte dell'anno, aumentando il numero degli iscritti nelle Riserve di caccia, adottando incentivi per l'abbattimento, estendendo la possibilit? di abbattimento dei cinghiali a tutta la giornata, di aumentare i luoghi in cui macellare questa carne e rendere possibile il conferimento delle carcasse ai centri di raccolta e macellazione, proponendo magari un prezzo calmierato.

«L’emergenza cinghiali in Fvg continua e la Regione non ha ancora messo in campo soluzioni concrete. Necessario agire di concerto con le associazioni venatorie che richiedono misure efficaci». 

È quanto chiede il Vicepresidente del Gruppo Forza Italia in Consiglio Regionale Rodolfo Ziberna che ha presentato un’interrogazione sul tema alla presidente Serracchiani ed all’assessore regionale competente. Lo stesso Ziberna ha già presentato in passato altre 4 interrogazioni sull’emergenza cinghiali, senza, però ricevere risposta.

«Il problema dei cinghiali in Fvg è del tutto fuori controllo: negli ultimi 15 anni si è registrato, infatti, un aumento medio della specie attorno al 14%. Numeri che portano a danni ingenti sia all’agricoltura (solo nell’isontino si parla di 200mila Euro con una stima al ribasso) che alle persone. Ricordo soltanto i casi più recenti: i vigneti di San Giovanni del Collio ed il campo da golf di Padriciano a Trieste che ha subito danni che si aggirano attorno ai 100mila Euro. Per non parlare dei casi di aggressione alle persone nel capoluogo giuliano, anche in zone impensabili fino a poco tempo fa».

«È evidente che le azioni messe in atto fino a questo momento dalla Regione si sono rivelate inefficaci: vedi l’utilizzo di sostanze maleodoranti con preparazioni a base di peperoncino e l’esplosione programmata di botti che dovrebbero infastidire gli animali e tenerli, così, lontani dai raccolti di cui cibano».

«L’unica soluzione valida per cercare di arginare il problema – prosegue l’esponente di Forza Italia – resta quella dell’attività venatoria che, però, come hanno recentemente segnalato anche i rappresentanti dei cacciatori di Cormòns, è ostaggio di enormi difficoltà burocratiche che rendono praticamente impossibile e sicuramente non conveniente cercare di esercitare una passione. Sarebbero, quindi, necessari orari di caccia più ampi, battute anche da terra e non solo dalle altane, nonché convenzioni con i macelli comunali per diminuire i costi».

«Chiedo, quindi, alla Regione – conclude Ziberna – di agire con una sburocratizzazione dell’attività di prelievo e di contenimento della proliferazione. Da qui la necessità di procedere ad un abbattimento in deroga per la maggior parte dell’anno, all’aumento del numero degli iscritti nelle Riserve di caccia del Fvg, all’adozione di incentivi per l’abbattimento, all’estensione della possibilità di abbattimento dei cinghiali a tutta la giornata, all’aumento dei luoghi in cui macellare questa carne, nonché alla possibilità di conferimento della carcassa ai centri di raccolta e macellazione, proponendo magari un prezzo calmierato. Da ultimo la sburocratizzazione per permettere un’attività venatoria che non sia legata a lacci e lacciuoli che ne inficiano l’utilità e la possibilità ad esercitarla».

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Emergenza cinghiali, Ziberna (FI): «Caccia unica soluzione per arginare il problema» 

TriestePrima è in caricamento