menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Esuli e autobus, Grizon (PDL) in prima linea

Continua l'acceso dibattito sugli abbonamenti agevolati per gli esuli istriani, fiumani e dalmati. In prima linea il capogruppo PDL Claudio Grizon che segue da vicino la vicenda «la legge c'è, la Provincia non può rifiutare di accogliere le domande»

«Sono stati 100 oggi gli esuli istriani che si sono messi in fila allo Sportello della Provincia in via S.Anastasio per presentare la domanda per ottenere l'abbonamento agevolato per gli autobus». Lo annuncia Claudio Grizon, capogruppo del PDL a Palazzo Galatti, che ricorda «si aggiungono ai 20 di ieri e probabilmente ai 150 o 200 di domani».

«La legge c'è, l'ha confermato anche Zollia - sottolinea Grizon - e quindi la Provincia non si può rifiutare di accogliere le domande». «Purtroppo - aggiunge Grizon - come ci ha confermato l'assessore oggi in commissione capi gruppo, consigliano agli esuli di non fare domanda».

«Evidentemente la situazione è complessa - riconosce il consigliere pidiellino - e vorremmo sapere se nell'ambito delle previsioni del comma d) dell'articolo di legge che prevede l'agevolazione, quello riservato anche ai perseguitati politici o razziali e agli ex deportati nei campi di concentramento o prigionia, ci siano delle persone che hanno beneficiato della tessera».

«Spero davvero - conclude Grizon - che questa non sia l'ennesima beffa nei confronti degli esuli: abbiano il coraggio di dare attuazione alla legge o di cancellarla, chi ha perso tutto per amore dell'Italia non merita di essere trattato così».

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Trieste usa la nostra Partner App gratuita !

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Arredare

Come arredare casa in perfetto stile boho chic

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Veicoli Commerciali

    Mezzi pesanti: regole e limiti di velocità

  • Scuola

    Metodo di studio: i consigli per memorizzare in poco tempo

Torna su

Canali

TriestePrima è in caricamento