Politica

Miramare, Cecco (FareAmbiente): «Serve una gestione diversa, territoriale e più flessibile»

«Il parco ha più che dimezzato i visitatori negli ultimi anni»

«Per il parco e il castello di Miramare è evidente che serve una gestione diversa, territoriale e più flessibile» - così si esprime il Coordinatore Regionale di FareAmbiente Giorgio Cecco.

«Dal punto di vista turistico ancora si difende bene il Museo storico, ma il parco pur restando ai vertici nella classifica ha più che dimezzato i visitatori negli ultimi anni – sottolinea Cecco – e pur considerate alcune perplessità nel sistema di rilevazione degli anni passati nonchè gli attuali interventi di sistemazione, crediamo sia da tenere alta l'attenzione su un sito di tale interesse. Oltre ai lavori di sistemazione auspichiamo quindi, ora nella trasformazione in ente autonomo, una collaborazione con il Comune, con le associazioni di volontari sul territorio e una seria programmazione nella manutenzione ordinaria, che è stata carente nel recente passato e ha portato evidentemente ad un calo importante dei visitatori» – dichiara il responsabile del movimento ecologista.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Miramare, Cecco (FareAmbiente): «Serve una gestione diversa, territoriale e più flessibile»

TriestePrima è in caricamento