Sabato, 13 Luglio 2024
Politica

FareAmbiente: «Tema del rigassificatore gestito malissimo dalla classe politica»

Così si esprime il coordinatore regionale di FareAmbiente Giorgio Cecco: «Nei rapporti con Slovenia anche in merito al raddoppio della centrale di Krsko necessario valutare quale sviluppo s’intende prevedere nel prossimo futuro»

«È inutile scaricare responsabilità, serve invece fare chiarezza per chiudere definitivamente la questione sul rigassificatore a Trieste. La situazione è preoccupante ed è evidente che il tutto è stato gestito male, ora la politica e gli enti locali lavorino, per quanto di loro competenza, in modo da risolvere in tempi rapidi  tenendo conto della posizione espressa dal territorio».  Così si esprime il coordinatore regionale di FareAmbiente Giorgio Cecco.

«Crediamo comunque - continua la nota - che si debba trattare in un contesto unitario allargato con i paesi confinanti una strategia energetica di servizio alla collettività e di contenimento degli impatti ambientali: è importante che la Regione faccia la sua parte e si faccia sentire presso il Governo nazionale anche in tal senso».

«Per esempio - conclude Cecco -  nei rapporti con la Slovenia anche in merito al raddoppio della centrale di Krsko o ad altri impianti di rigassificazione nell’Alto Adriatico, perciò riteniamo sia necessario valutare quale sviluppo dell’area s’intende prevedere nel prossimo futuro in una visione più ampia possibile, oltre che per le ricadute economiche anche per quelle ambientali e di sicurezza».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

FareAmbiente: «Tema del rigassificatore gestito malissimo dalla classe politica»
TriestePrima è in caricamento