Ferriera: Arvedi minaccia blocco attività e invia 2 lettere alla Regione

Secondo Arvedi la riduzione della produzione imposta renderebbe "antieconomica" l'attività dello stabilimento

Arvedi continua a minacciare il blocco dell'attività non solo dell'altoforno ma anche della cosiddetta "Area a freddo" della Ferriera, come dichiara Telequattro in un servizio. Due le lettere inviate dal Cavaliere alla Regione, e per conoscenza alle RSU. La prima si riferisce alla diffida con la quale il 28 giugno scorso la Regione ha imposto all'azienda la riduzione della produzione che, a quanto scritto, renderebbe "antieconomica" l'attività dello stabilimento: tenendo presente che i lavori di manutenzione straordinaria sull'altoforno si concluderanno il prossimo 15 ottobre. Acciaierie Arvedi annuncia che successivamente farà ripartire la produzione, nel rispetto dell'AIA, solo se sarà tolto subito il vincolo sui livelli produttivi.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Argomento della seconda lettera è l'attività del nuovo laminatoio, dove il problema sembrano essere le licenze per l'impianto di decapaggio, che richiederebbero la concessione della valutazione d'impatto ambientale (il quale prevederebbe mesi di valutazioni). Arvedi minaccia quindi la sospensione dell'attività produttiva dell'area a freddo se non gli verrà garantito di poter completare i basamenti e l'installazione delle macchine per il decapaggio nel capannone esistente e di ottenere la licenza edilizia per poter allungare di 50 metri lo stesso capannone già acquistato. L'azienda si impegna ad attendere licenza e autorizzazione della Regione prima di iniziare la produzione dell'impianto. Già all'inizio di quest'anno Arvedi aveva comunicato l'intenzione di chiudere lo stabilimento a causa del «clima ostile»: si attendono ora le risposte della Regione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mercurio pronto a dare spettacolo al tramonto: come e quando osservalo a occhio nudo

  • "Frontiere aperte solo per i residenti in Fvg", l'apertura del premier sloveno

  • Tragedia sulle rive: cinquantenne muore dopo una caduta in mare

  • Grave incidente a Capodistria: motociclista triestino perde una gamba

  • La dieta a Zona per dimagrire e migliorare le funzioni dell'organismo: come funziona

  • Covid 19: nessun morto in Fvg nelle ultime 48 ore, due nuovi casi a Trieste

Torna su
TriestePrima è in caricamento