Ferriera, Bolzonello (Pd): «Oggi condizioni per superamento area a caldo»

Il candidato presidente sottolinea che «abbiamo creato le condizioni per consentire una ricollocazione futura agli attuali lavoratori»

«Oggi abbiamo creato le condizioni per sederci al tavolo con i lavoratori, la proprietà della Ferriera, i cittadini, il Governo e la Regione, e iniziare a pensare al futuro dell’area a caldo attraverso una dimissione che possa portare a una nuova missione per quell’area». Sergio Bolzonello, candidato del centrosinistra alla presidenza del Friuli Venezia Giulia, durante l’incontro con i rappresentanti di Legambiente e delle associazioni dei cittadini ha ripercorso l’attività degli ultimi 5 anni: «Nel 2013 la situazione economica non era questa, oggi abbiamo cambiato le sorti del Porto rilanciandolo e garantendo una prospettiva di lungo periodo rispetto al mercato internazionale e grazie anche allo sblocco del Punto Franco. Abbiamo trovato un Ezit con 10 milioni di euro di debito, oggi abbiamo il nuovo Consorzio Industriale - con debiti azzerati e un patrimonio solido - gestito dall’Autority che ci chiede ulteriori spazi».

«Abbiamo creato le condizioni - rimarca Bolzonello - per consentire una ricollocazione futura agli attuali lavoratori della Ferriera. Non ho intenzione di fare promesse che so che non si possono mantenere, l’area a caldo non si può chiudere domani però ci sono le condizioni per arrivare alla dimissione garantendo l’occupazione e l’azienda che ha investito in questi anni». 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Sul tema della possibile realizzazione del Rigassificatore, il candidato del centrosinistra, rimarca che: «Abbiamo fatto ricorsi e atti, la posizione è chiarissima e per me è un “no”. Serve ancora una manifestazione di contrarietà rispetto al metanodotto, su questo garantisco il mio impegno per farlo appena eletto» conclude.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bonus da 600 euro, anche il consigliere regionale Franco Mattiussi tra i beneficiari

  • Fotografa i bambini e poi scappa su un’auto blu: la segnalazione parte dal Carso

  • Rifiuta le sue avances e lui le sputa addosso: sconcerto in piazza Libertà

  • Notte di San Lorenzo, ecco i 5 posti più belli dove ammirare le stelle cadenti a Trieste

  • Covid-19: quattro nuovi casi in Fvg, salgono i ricoverati in terapia intensiva

  • Riammissioni a catena: Italia, Slovenia e Croazia si "passano" 30 migranti

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TriestePrima è in caricamento