menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Ferriera e Burlo, Sabia (M5s): «Salute dei triestini sempre più in pericolo»

Lo rileva in una nota postata sul suo profilo Facebook Paola Sabrina Sabia, una delle possibili candidate a sindaco di Trieste del Movimento 5 Stelle e coordinatrice del meet up "Amici di Beppe Grillo Trieste"

«Se parliamo di salute a Trieste sono due i temi caldi di attualità: il Burlo e la Ferriera».

Lo rileva in una nota postata sul suo profilo Facebook Paola Sabrina Sabia, una delle possibili candidate a sindaco di Trieste del Movimento 5 Stelle e coordinatrice del meet up "Amici di Beppe Grillo Trieste".

«Purtroppo - continua la nota - solitamente tornano alla ribalta per essere strumentalizzati, come in questo periodo di campagna elettorale, piuttosto che per essere risolti.  Per entrambe le criticità i partiti dei due schieramenti tradizionali si sono trovati nei decenni passati nelle condizioni di poter decidere. Lo hanno fatto? Decisamente si! Ma hanno fatto esattamente il contrario di ciò che la salute dei cittadini ed il buonsenso richiedevano. La sanità pubblica è vittima ormai da anni di tagli indiscriminati (che naturalmente inficiano la qualità dei servizi) e la Ferriera di Servola continua a produrre, anche grazie a cospicui finanziamenti pubblici, il veleno che quotidianamente respiriamo ormai in tutta la città».

«Riguardo l'ospedale infantile - ancora Sabia - leggiamo sui media locali che: "il laboratorio di analisi del Burlo sarà trasferito a Cattinara. L’operazione è stata confermata, nel pomeriggio di ieri, dal direttore generale Gianluigi Scannapieco, secondo cui «nulla cambierà e anzi le prestazioni miglioreranno»". Secondo alcuni medici però le cose non stanno proprio così. Sempre sulla stampa locale leggiamo che: "Il medico (il Dott. Andolina) ha portato l’esempio di recenti episodi di cronaca nazionale: le donne decedute per parto su cui sono partite indagini. «La causa principale delle emorragie è determinata dai pezzi di placenta che fanno partire una reazione a catena del coagulo del sangue. Quanto dovremo aspettare per avere delle analisi sulle pazienti, se il laboratorio si sposta a Cattinara? I risultati servono in pochi minuti». Analogo discorso per le leucemie infantili, che necessitano di test immediati e precisi sul numero di piastrine. O sui trapianti di midollo. Le apparecchiature di reparto, i Poct, secondo Andolina sono inadatte". In seguito alle notizie di questi giorni stiamo assistendo ad una consapevole presa di posizione dei cittadini in difesa dell'ospedale. In pochi giorni più di mille persone hanno aderito al gruppo Facebook "giù le mani dal Burlo". Bisogna impedire che venga fatto scempio di questa eccellente struttura sanitaria».  Paola Sabrina Sabia-2

«Sul sito web del Burlo - spiega -  c'è scritto "Eroga prestazioni di ricovero e cura ad elevata qualificazione a minori, donne in gravidanza, puerpere e donne con patologie ginecologiche, a cittadini italiani e stranieri." Se lasciamo che la maggioranza in consiglio regionale porti a compimento il suo folle piano di "riforma sanitaria" c'è il rischio che questa frase diventi solo un ricordo.  Anche sul fronte della Ferriera di Servola sempre più persone scendono in campo, consapevoli del rischio cui viene sottoposta la popolazione esposta al sempre maggiore inquinamento che l'opificio produce. L'imminente rinnovo dell'AIA (Autorizzazione Ambientale Integrata) conferma la subordinazione dell'interesse pubblico a quello privato. Il privilegiare la logica della speculazione al diritto alla salute della cittadinanza». 

«Noi del Gruppo Amici di Beppe Grillo Trieste - concludesiamo speranzosi. Vediamo che i cittadini stanno riprendendo coscenza e non si lasciano più scivolare addosso decisioni imposte dall'alto e dannose per la propria salute. C'è il bisogno di informarsi e di farsi ascoltare e tanti cittadini spendono il loro tempo per informarsi ed informare. Questo è sempre stato il modo di "fare politica" del M5S e non possiamo che essere felici di essere partecipi di questo risveglio della coscienza cittadina. Di lavoro da fare ce n'è ancora tanto e, assieme ai nostri portavoce, continueremo a lavorare con i cittadini per portare la loro voce nelle istituzioni. E la voce dei cittadini ora chiede di non sacrificare il Burlo ma di investire per farlo tornare ai fasti di quando era un'eccellenza internazionale.  Spendiamo soldi pubblici per finanziare chi ci avvelena sottraendoli a realtà che invece hanno reso Trieste una città rispettata ed invidiata. È arrivato il momento di cambiare rotta».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

'Enoteche d'Italia': la guida del Gambero Rosso premia anche Trieste

social

Nasa: arriva la prima foto panoramica di Marte

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TriestePrima è in caricamento