menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Ferriera: la Regione impone interventi contro l'inquinamento acustico

Dopo lo scambio di battute intercorso ieri tra la Regione e il Comune in merito a un piano acustico per lo stabilimento di Servola, la regione impone ad Acciaierie Arvedi degli interventi per mitigare il rumore

Dopo lo scambio di battute intercorso ieri tra la Regione e il Comune in merito a un piano acustico per la Ferriera di Servola, la regione impone ad Acciaierie Arvedi degli interventi per arginare l'inquinamento acustico. Entro il 31 dicembre 2018 la Società dovrà infatti intervenire sugli impianti della Ferriera di Servola per garantire, in assenza del Piano comunale di classificazione acustica (Pcca) del Comune di Trieste, il rispetto dei limiti acustici imposti dal Decreto del presidente del Consiglio del 1 marzo 1991.

È quanto previsto dalla diffida inviata dalla Regione all'azienda ed elaborata sulla base delle rilevazioni fonometriche eseguite dall'Agenzia regionale per la protezione dell'ambiente del Friuli Venezia Giulia (Arpa Fvg). Dopo aver eseguito, su indicazione della Regione e dell'Arpa Fvg, alcuni interventi di mitigazione del rumore la società aveva infatti proposto di progettare ulteriori azioni entro 10 giorni dall'approvazione del Piano di classificazione acustica comunale e di realizzarli entro un anno dal medesimo termine, in funzione delle difficoltà di programmazione derivanti dalla mancata adozione del Pcca da parte dell'amministrazione cittadina (il quale in base alla normativa avrebbe dovuto essere adottato entro il 25 marzo 2014).

A tutela della salute dei cittadini la Regione ha, invece, ritenuto prioritaria la riduzione della rumorosità dell'impianto siderurgico e ha imposto ad Acciaieria Arvedi di trasmettere entro 10 giorni il nuovo cronoprogramma delle attività necessarie per conseguire il rispetto dei limiti normativi vigenti, tenendo conto dei tempi tecnici strettamente necessari per la realizzazione degli interventi. Nello specifico il provvedimento impone interventi in 9 punti identificati quali sorgenti che contribuiscono in maniera significativa al campo acustico complessivo dell'acciaieria triestina ed è stato inviato oltre all'azienda anche al Comune di Trieste, all'Arpa, all'Azienda sanitaria universitaria integrata di Trieste, al Comando provinciale dei Vigili del fuoco e al ministero dell'Ambiente della tutela del territorio e del mare.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Fondo Ambiente Italiano: eletto il luogo più bello d'Italia

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TriestePrima è in caricamento