Ferriera, Moretti-Santoro (Pd): «La maggioranza destituisce il Consiglio»

«Una questione complessa e delicata come l'ipotesi di chiusura dell'area a caldo della Ferriera di Servola va affrontata avendo un quadro chiaro e completo e un confronto con tutti i soggetti coinvolti»

«Sulla Ferriera la maggioranza destituisce il Consiglio e invece di occuparsi del problema passa la palla alla Giunta e prosegue a colpi di ingannevoli slogan». A dirlo sono i consiglieri regionali del Pd, Diego Moretti e Mariagrazia Santoro presenti oggi all'audizione in IV commissione dei firmatari della petizione “Ferriera di Servola (Trieste): dismissione e riconversione dell’area a caldo”.

«La maggioranza illude i cittadini di Servola “pagando” una promessa elettorale»

«Una questione complessa e delicata come l'ipotesi di chiusura dell'area a caldo della Ferriera di Servola va affrontata avendo un quadro chiaro e completo e un confronto con tutti i soggetti coinvolti» sostengono Moretti e Santoro. «Non è pensabile lasciare il Consiglio all'oscuro di un pezzo fondamentale della vicenda, ossia l'incontro riservato avvenuto qualche giorno fa tra il presidente Fedriga (tra l’altro il secondo firmatario della suddetta mozione) e il cavalier Arvedi. E così, mentre il Pd cerca di approfondire la questione, la maggioranza illude i cittadini di Servola “pagando” una promessa elettorale (quella della chiusura dell’area a caldo), senza avere un quadro complessivo della questione e del percorso per arrivare a tale risultato».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La petizione alla giunta

«Assieme a tutte le opposizioni abbiamo proposto – dicono i due consiglieri dem – di audire, dopo il Comitato Nosmog, anche il presidente Fedriga, la proprietà di Siderurgica Triestina e i sindacati dei lavoratori, ma la maggioranza ha ritenuto di non farlo, scegliendo la strada semplice e pilatesca di accogliere e spedire la petizione alla giunta, votazione alla quale come Pd non abbiamo voluto partecipare considerandola un inganno. Petizione che prevede l’impegno del presidente a mettere immediatamente in atto le procedure per la dismissione dell’area a caldo della Ferriera e la sua riconversione in attività compatibili, dimenticando che esiste un accordo della Regione con ministero e proprietà del novembre 2014 e un'autorizzazione integrata ambientale che permette oggi a Siderurgica triestina di produrre a determinate condizioni. Di fronte a tanta e tale superficialità vogliamo evitare per l’ente Regione l’avvio di inutili e costosi contenziosi che non porterebbero da nessuna parte».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Violenta esplosione in zona Campanelle, gravissimi due giovani

  • Terrore a Barcola: spari in pineta, è caccia all'uomo

  • Morto a soli 27 anni Nicola Biase, tenente dell'Esercito in servizio a Trieste

  • Sparatoria con inseguimento a Barcola, arrestato a Grignano

  • Sparatoria ed inseguimento a Barcola, sullo sfondo una storia di droga

  • Spari a Barcola: è un avvocato l'arrestato per spaccio di droga

Torna su
TriestePrima è in caricamento