Ferriera, Scoccimarro: «Nuove prescrizioni Aia contro spolveramenti»

Dopo il recente episodio di "spolveramento" dai parchi fossili e minerali, l'assessore ha prescritto nuove e urgenti misure riguardanti attività di bagnatura e pulizia del manto

«Solo due settimane fa si è verificato un importante episodio di 'spolveramento' dai parchi fossili e minerali della Ferriera di Servola e oggi i miei uffici hanno inviato nuove prescrizioni che vanno a integrare l'Autorizzazione integrata ambientale (Aia) per prevenire questi eventi». Così l'assessore regionale all'Ambiente Fabio Scoccimarro rende note nuove prescrizioni integrative del decreto Aia 96/2016 relativo allo stabilimento siderurgico di Trieste.

Misure urgenti

«Avevo preannunciato misure urgenti - ricorda Scoccimarro - e così è stato: due giorni dopo l'episodio ho convocato i vertici della Direzione centrale Ambiente e di Arpa Fvg che si sono messi al lavoro per redigerle con celerità, soprattutto in previsione di nuove allerte meteo della Protezione civile. Ciò - precisa l'assessore - fintantoché non verrà realizzata la copertura dei parchi prevista dall'Accordo di programma o la società deciderà di chiudere l'area a caldo».

Lo spolveramento a Servola

La nota di Arpa

La nota Arpa Fvg del 22 agosto, sulla quale si basa l'integrazione dell'Aia del 24 agosto della Direzione centrale Ambiente e Energia, richiede di attuare subito l'intervento migliorativo. «In presenza di eventuali allerte meteo, il sistema di irrorazione deve - dispone la nota - essere mantenuto attivo senza le pause attualmente previste e devono essere assicurate le attività di bagnatura e pulizia del manto delle strade e dei piazzali pavimentati, estendendo l'attività a quelle aree dove è evidente la presenza di polveri sul suolo».

Gli obblighi

Entro 45 giorni dalla ricezione delle prescrizioni, la società dovrà poi «ampliare con l'additivazione di idonei agenti aggreganti/filmati il sistema di irrogazione» e limitare e regolare «la presenza di coke, carbone e minerali nell'area di retrobanchina dedicata alla logistica». Infine, entro 120 giorni l'integrazione della Regione chiede che venga «definita una regolamentazione dell'utilizzazione dei parchi minerali e fossili nel periodo estivo, quando sono più probabili i fenomeni del vento di caduta (downdraft), finalizzata alla riduzione della superficie di esposizione dei cumuli; va realizzata inoltre la pavimentazione delle aree attualmente ancora a terra battuta dove si verificano depositi di polvere di carbone e/o minerali».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Fumo rossastro

Azioni concrete

«Azioni concrete che vanno a limitare impatti sull'ambiente e la salute dei cittadini sono doverose», conclude Scoccimarro, rivolgendo un ringraziamento a Arpa e ai funzionari «che in così breve tempo, considerato anche il periodo di Ferragosto, hanno dimostrato di saper dare risposte concrete ed efficienti».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Violenta esplosione in zona Campanelle, gravissimi due giovani

  • Terrore a Barcola: spari in pineta, è caccia all'uomo

  • Sparatoria con inseguimento a Barcola, arrestato a Grignano

  • Sparatoria ed inseguimento a Barcola, sullo sfondo una storia di droga

  • Spari a Barcola: è un avvocato l'arrestato per spaccio di droga

  • Auto precipita nella scarpata in zona Muggia (FOTO)

Torna su
TriestePrima è in caricamento