menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Festa della liberazione, Camber: «Indegna gazzarra contro il sindaco Dipiazza»

Il candidato al Consiglio regionale Piero Camber interviene in difesa del primo cittadino dopo l'episodio di fischi e insulti durante la commemorazione alla risiera di San Sabba

Dopo i fischi e gli insulti al sindaco Dipiazza durante la commemorazione alla risiera di San Sabba, il candidato al Consiglio regionale Piero Camber interviene in difesa del primo cittadino: «Indegna gazzarra sollevata contro il sindaco Dipiazza oggi alla Risiera di San Sabba, luogo della memoria della nostra città.  A tal proposito voglio ricordare un pezzo di storia dimenticato: Guido Pasolini, trucidato nell’eccidio di Malga Porzûs, dove i partigiani comunisti uccisero i partigiani bianchi della brigata Osoppo, nell’ultima lettera che scrisse al fratello Pierpaolo Pasolini gli chiese di farsi mandare dalla madre un fazzoletto tricolore: “A fronte alta - le sue parole -  chiediamo di essere italiani e combattere per la bandiera italiana, non per lo straccio rosso”».

«In quella strage - continua Camber - venne assassinato anche lo zio del cantautore Francesco De Gregori, medaglia d'oro. Solidarietà alla comunità ebraica che ha dovuto abbandonare la solenne cerimonia a causa dei fischi di coloro hanno portato bandiere palestinesi in questo luogo di memoria».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

La ricetta della torta mimosa per festeggiare le donne

Cura della persona

Scrub fai da te: la ricetta super naturale per labbra perfette

Guida

Ancora sole ma minime fino ai 4 gradi: il meteo per domani 9 marzo

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TriestePrima è in caricamento