Politica

Fieste de patrie dal Friûl, Dipiazza infuriato: «Politica impazzita»

A intervenire, tra il sorpreso e l'arrabbiato, è il consigliere regionale di AR, Roberto Dipiazza: «E' frustrante essere qui a parlare, addirittura arrabbiarsi su tali temi che ora dovrebbero essere messi da parte»

O son diventato matto oppure è impazzita la politica.

«Non è possibile che nel contesto che stiamo vivendo, caratterizzato dalla crisi che fa chiudere le nostre imprese e il continuo arrivo non più gestibile dei profughi, il Consiglio regionale FVG si riunisca per due giorni per approvare la Fieste de patrie dal Friûl e le modifiche alla legge per l'istituzione di una Commissione regionale per le pari opportunità tra uomo e donna».

A intervenire, tra il sorpreso e l'arrabbiato, è il consigliere regionale di AR, Roberto Dipiazza.

«Pur non entrando nel merito - commenta Dipiazza - della "estrema" importanza di queste tematiche, mi sembra che basti mettere la testa fuori dal Palazzo per accorgersi che il mondo sta franando, che le famiglie sono in difficoltà, che i giovani continuano a non trovare lavoro, che la gente sta male e chiede alla politica le soluzioni».

«E' frustrante essere qui a parlare, addirittura arrabbiarsi su tali temi che ora dovrebbero essere messi da parte, quando bisognerebbe quotidianamente, da questa importante sede, trovare soluzioni ai problemi concreti».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Fieste de patrie dal Friûl, Dipiazza infuriato: «Politica impazzita»
TriestePrima è in caricamento