menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Finanziaria Regionale 2012: i 19 Articoli

Pubblichiamo l'articolato relativo alla manovra finanziaria regionale per il 2012, in questi giorni in discussione in Consiglio Regionale.L'articolo 1, che contiene le disposizioni di carattere finanziario e in materia di entrate, detta...

Pubblichiamo l'articolato relativo alla manovra finanziaria regionale per il 2012, in questi giorni in discussione in Consiglio Regionale.

L'articolo 1, che contiene le disposizioni di carattere finanziario e in materia di entrate, detta l'ammontare delle previsioni d'entrata e autorizza il ricorso al mercato finanziario per il triennio 2012-2014 mediante la contrazione di mutui a tasso fisso e variabile, ponendo il limite di indebitamento per il 2012 in 111.737.000 euro. Questo articolo contiene una delle novità qualificanti la manovra, ovvero la riduzione delle aliquote IRAP del 25%.
Un emendamento giuntale toglie la possibilità di ricorrere agli strumenti finanziari derivati.
L'articolo 2 - agricoltura, foreste, caccia e pesca - prevede contributi alle aziende agricole zootecniche con produzione di latte aderenti al Piano di riconversione per la loro permanenza nei territori montani per l'acquisto di mezzi di trasporto; modifiche della normativa relativa al miglioramento della produzione zootecnica e della cooperazione nel campo della pesca e dell'acquacoltura e finanziamenti alla Fondazione per la promozione e la valorizzazione del formaggio Montasio.

L'articolo 3 - attività produttive - introduce diverse modifiche alla legge regionale anticrisi, ritardando la richiesta di garanzie e ricalibrando le disposizioni nel settore dell'artigianato.

L'articolo 4 - commercio - regola l'accoglimento prioritario di tutte quelle domande di finanziamento che per carenza di fondi erano rimaste inevase sia nel settore dei rivenditori di generi di monopolio sia nella creazione di centri commerciali naturali e centri via.

L'articolo 5 - ambiente, energia, montagna, protezione civile - amplia l'uso dei canoni relativi le acque minerali termali e quelli per le risorse geotermiche; modifica la destinazione di una delegazione amministrativa al Consorzio di Bonifica Cellina Meduna; contribuisce alle attività di rimozione dei rifiuti abbandonati a favore dei Comuni richiedenti e modifica la normativa relativa la conferenza dei servizi in materia di protezione civile.

L'articolo 6 - infrastrutture, territorio, edilizia e lavori pubblici - proroga, a favore delle Province, dal 2011 al 2013 gli stanziamenti per lo svolgimento delle attività e delle funzioni di Motorizzazione Civile; autorizza un finanziamento pluriennale per un totale di 83.152.388,00 euro a favore di FVG Strade per opere di viabilità di interesse regionale.

L'articolo 7 - salute e politiche sociali - nelle more dell'apertura dell'Ospizio Marino di Grado, proroga di un anno il rimborso spese di vitto e alloggio per gli utenti dei servizi di riabilitazione; apporta modifiche alla Conferenza permanente per la programmazione sanitaria, sociale e sociosanitaria.

L'articolo 8 - famiglia, associazioni e cooperazione - prevede un intervento di 100.000 euro per la realizzazione di iniziative finalizzate alla promozione cooperativa; concede contributi agli Enti locali per promuovere la partecipazione istituzionale dei bambini e dei ragazzi alla vita politica e amministrativa delle comunità locali; interviene sui servizi alla prima infanzia, sul sostegno alle famiglie numerose e sposta al 2013 il Piano regionale degli interventi per la famiglia in attesa del suo completamento.

L'articolo 9 - istruzione, università e ricerca - integra il finanziamento al Sincrotrone di Trieste; estende al 2012, con un leggero rinnovo normativo, il regime transitorio per i distretti dell'innovazione; modifica, con modalità più eque, gli assegni di studio relativi ai libri di testo ed al trasporto.

L'articolo 10 - sostegno al lavoro - affianca la Regione ai Comuni nella promozione di progetti per prestazioni di attività socialmente utili a lavoratrici e lavoratori sotto trattamento previdenziale.

L'articolo 11 -attività culturali e sportive - prevede una norma che regola le procedure di riparto; detta specifici interventi per il settore cinema, per le attività culturali delle associazioni dei profughi Giuliano Dalmati; approva le tabelle dei finanziamenti agli enti primari Sloveni; sostiene la lingua e la cultura friulana e i corregionali all'estero; imposta un programma straordinario di conservazione e valorizzazione dei beni culturali.

L'articolo 12 autorizza le variazioni nei capitoli delle relazioni internazionali e comunitarie.

L'articolo 13, particolarmente corposo, norma gli interventi sulle Autonomie locali; assegna la compartecipazione ai proventi fiscali riscossi in regione per 431,3 milioni e integra la somma con un'assegnazione straordinaria di 8,5 milioni. Ai Comuni si assegnano 335 milioni e ulteriori poste specifiche tra cui si evidenziano 10 milioni per l'incentivazione dei servizi associati, 0,8 milioni ai Comuni turistici e 0,7 milioni ai plessi scolastici. Alle Province vanno 43 milioni, alle Comunità Montane 7 milioni e, come sempre, si interviene per la copertura del personale del comparto unico per 36,9 milioni. Non mancano il Fondo per le situazioni particolari dei Comuni per 0,5 milioni e diverse norme per migliorare la gestione amministrativa.

L'articolo 14 - politiche della sicurezza - ha introdotto solo alcune variazioni nelle relative unità di bilancio.

L'articolo 15 - funzione pubblica - detta alle amministrazioni del comparto unico, nel rispetto del Patto di stabilità e del contenimento delle spese del personale, di adire alle assunzioni di personale con contratto di lavoro a tempo indeterminato in carenza di organico con procedure di mobilità all'interno del comparto medesimo; proroga all'esercizio 2013 alcune norme previste nell'articolo 13 della Finanziaria 2010.

L'articolo 16 - norme intersettoriali e contabili - tra l'altro proroga la durata delle concessioni demaniali; attribuisce alla Giunta regionale l'individuazione delle sedi e degli ambiti degli Uffici tavolari e interviene sul commissariamento di Cave del Predil.

L'articolo 17 - coordinamento normativo-fiscale - tratta del Patto di stabilità, ne indica i nuovi obiettivi e le modalità per raggiungerli; regola le riduzioni dello stock di debito, impone il contenimento della spesa del personale; indica i limiti di indebitamento e pone il divieto di cumulo delle indennità degli amministratori.

Gli articoli 18 e 19 sono tecnici: il primo riguarda la copertura finanziaria delle nuove autorizzazioni non autonomamente coperte, il secondo l'entrata in vigore della legge.


Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Storie del territorio: perché il Friuli Venezia Giulia non è "il Friuli"

social

Ricette tipiche della Carnia: i Cjarsons

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Il Fvg resta in zona arancione

  • Cronaca

    Covid: i guariti superano i contagi, in calo terapie intensive e isolamenti

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TriestePrima è in caricamento