rotate-mobile
Mercoledì, 8 Dicembre 2021
Politica

Finanziaria Regionale 2012 su Costi Politica: via i Vitalizi no a Taglio Indennita'

I consiglieri regionali del Friuli Venezia Giulia che saranno eletti nel 2013 dovranno fare a meno del vitalizio, ma non subiranno il taglio delle indennita' previsto per i parlamentari. E' l'effetto della votazione di un articolo ad hoc nella...

I consiglieri regionali del Friuli Venezia Giulia che saranno eletti nel 2013 dovranno fare a meno del vitalizio, ma non subiranno il taglio delle indennita' previsto per i parlamentari.
E' l'effetto della votazione di un articolo ad hoc nella Finanziaria 2012 regionale, votato ieri dal Consiglio.
A favore si sono espressi Pdl (ma due consiglieri hanno lasciato l'Aula al momento del voto), Pd, Lega e Udc; contrari Sel, Cittadini e Idv, astenuto Fli.

Per consiglieri e assessori in carica, o cessati alla data di entrata in vigore della legge, si continuera' ad applicare l'attuale disciplina, mantenendo gli stessi diritti acquisiti in virtu' dei contributi versati nell'attuale legislatura e in quelle precedenti.
Per i consiglieri rieletti e gli assessori rinominati nelle prossime legislature l'ulteriore periodo di mandato verra' calcolato secondo il sistema contributivo.
Inoltre sara' facoltativo l'accesso al sistema contributivo per conseguire il vitalizio.
Dalla prossima legislatura, inoltre, consiglieri e assessori regionali cui non sia ancora stato corrisposto l'assegno vitalizio possono rinunciarvi, ottenendo la restituzione dei contributi versati a questo fine.
Altri commi contengono disposizioni di modifica alle norme in materia di determinazione dell'indennita' di presenza dei consiglieri e del loro trattamento, e di quello riguardante il presidente del Consiglio regionale, il presidente della Regione e gli assessori, con le relative decorrenze.

L'esame dell'articolo sull'abrogazione dei vitalizi, nel Consiglio regionale del Friuli Venezia Giulia, ha visto la partecipazione di gran parte delle forze politiche.

Il capogruppo del Pdl, Daniele Galasso, ha definito la scelta di abrogare i vitalizi ''una scelta storica, un cambiamento'', pur evidenziando che ''la politica va perseguita quando non da' risposte alla societa'''.

Per il Pd, Gianfranco Moretton ha rivendicato che ''il Friuli Venezia Giulia ha gia' dato un primo segnale con la riduzione del numero dei consiglieri'', dicendosi a favore dell'abrogazione.

Il consigliere di Fli, Paolo Ciani, ha sottolineato che ''non sarebbe uno scandalo un taglio anche a chi ha il vitalizio oggi'', considerata la situazione di crisi economica.

Stefano Pustetto (Sel) e Stefano Alunni Barbarossa (Cittadini) hanno rimarcato che una misura del genere andava discussa in maniera piu' seria, con piu' tempo.

Il capogruppo di Italia dei Valori, Alessandro Corazza, ha ricordato che la sua proposta sul taglio dei vitalizi era stata relegata al tavolo dei costi della politica.

''Quella che arriva in aula - ha aggiunto - e' una prova tecnica di nuove maggioranze.

Si va ad aumentare l'indennita' dei consiglieri di 300 euro, e aumentano anche i vitalizi di chi li sta gia' prendendo, aumentando il debito - ha concluso - sulle spalle delle prossime generazioni''.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Finanziaria Regionale 2012 su Costi Politica: via i Vitalizi no a Taglio Indennita'

TriestePrima è in caricamento