Foibe, Fedriga: "Sì a raccolta firme dell'Unione Istriani contro negazionismo"

"Le realtà che sminuiscono il dramma non sono degne di contributi pubblici". Sul vademecum realizzato dall'Irsrec il presidente del FVG dichiara: "Al di là del lavoro degli storici le istituzioni hanno l'obbligo di garantire il rispetto della memoria"

Foto di repertorio

"Le realtà che sminuiscono o negano i drammi dell'esodo e delle foibe feriscono in modo consapevole l'intera comunità del Friuli Venezia Giulia e non sono pertanto degne di beneficiare di contributi pubblici. Ben vengano dunque iniziative quali la raccolta firme dell'Unione degli Istriani, che hanno il merito di creare ulteriore consapevolezza, soprattutto nelle nuove generazioni, su ciò che è stato e mai più deve ripetersi". Lo dichiara il governatore della Regione Massimiliano Fedriga.

Niente soldi a chi nega le foibe, lo sfogo dello storico Pupo: "Propaganda elettorale"

Il vademecum dell'Irsrec

"Occorre peraltro sottolineare che la polemica sul vademecum realizzato dall'Irsrec nulla toglie né aggiunge alla sostanza delle cose: al di là del lavoro degli storici - conclude Fedriga - le istituzioni hanno l'obbligo di garantire il rispetto della memoria e, ove questo venga meno, intraprendere le opportune azioni a tutela delle vittime e della comunità cui esse appartengono."

Foibe, Unione Istriani: "Strumentali polemiche IRSREC sui negazionisti"

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Riccardo Scamarcio in piazza Unità: battibecco con Telequattro e poi le scuse

  • Tuiach porta in tribunale Parisi ma perde la causa

  • Sara Gama corregge giornalista di Sky: "Trieste è in Venezia Giulia"

  • Brutto incidente in superstrada, due persone a Cattinara

  • Incidente in strada nuova per Opicina: due minorenni feriti, uno grave

  • Atti osceni in luogo pubblico in corso Saba: nei guai 58enne

Torna su
TriestePrima è in caricamento