rotate-mobile
Martedì, 7 Dicembre 2021
Politica

Forza Nuova: «Giardino Pubblico, condanna più assoluta verso depravati omosessuali»

Lo rileva in una nota Denis Conte, Dirigente Nazionale Forza Nuova: «Bisogna arrivare allo stupro di qualche bambino per correre ai ripari e aumentare i livelli di sicurezza nella nostra città? Forza Nuova non resta immobile al degrado del nostro paese»

«Forza Nuova esprime la condanna più assoluta verso questi depravati omosessuali che si esibivano nei giardini pubblici incuranti di donne e dei bambini che frequentano il parco. "Era il 29 novembre 2008, annuncia il dirigente nazionale di Forza Nuova Denis Conte, quando abbiamo denunciato pubblicamente con un presidio, fuori al giardino pubblico De Tommasini di via Giulia, gli incontri di gay all’interno dei bagni sotto il comando municipale con conseguente articolo sul giornale quotidiano che dava risalto alla denuncia».

Lo rileva in una nota Denis Conte,  Dirigente Nazionale Forza Nuova.

«Per mesi - continua la nota - Forza Nuova ha presidiato la zona che, dopo la manifestazione era tornata alla normalità. Ma l’erba cattiva non muore e non basta toglierla ma bisogna estirparla: Forza Nuova invoca la castrazione chimica come cura e pene esemplari per questi individui malati a caccia a tutti i costi di trasgressioni in luoghi frequentati da bambini per eccitarsi. Ci sono voluti sette anni perchè la Polizia Municipale si muovesse dunque non ci sentiamo sicuri in questa città dove tutto è lasciato ad un immobilismo assoluto».

«Bisogna - conclude -  arrivare allo stupro di qualche bambino per correre ai ripari e aumentare i livelli di sicurezza nella nostra città? Forza Nuova non resta immobile al degrado del nostro paese, alla perdità di una civiltà millenaria costruita con il sangue dei nostri padri, ma resta in prima fila per riprendere le redini dell’Italia, lasciata in mano agli "assassini del nostro popolo».

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Forza Nuova: «Giardino Pubblico, condanna più assoluta verso depravati omosessuali»

TriestePrima è in caricamento