Venerdì, 25 Giugno 2021
Politica

Funzione pubblica, Callari: «Rimossa norma punitiva per comuni extra-Uti»

«In uno di questi il sindaco è addirittura costretto a sopperire di persona al servizio anagrafe perché non ha dipendenti a sufficienza»

Sebastiano Callari

«Una norma che pone rimedio a un vulnus, a una ferita aperta dalla legge regionale 18 del 2016». Così l'assessore regionale alla Funzione pubblica Sebastiano Callari ha definito l'approvazione in Consiglio regionale di un emendamento di Giunta all'articolo 1 bis del disegno di legge su «norme urgenti in materia di funzioni delle Unione territoriali intercomunali».

L'emendamento odierno ripristina la possibilità per i Comuni che sono al di fuori delle Uti di assumere personale non dirigente nel limite del 100 per cento (anziché del 50 per cento come previsto dalla legge 18) della spesa relativa al personale di ruolo cessato nell'anno precedente. «Quella clausola punitiva verso i Comuni non Uti ha creato seri problemi - ha riferito Callari - con numerosi Comuni in sofferenza. So che in uno di questi il sindaco è addirittura costretto a sopperire di persona al servizio anagrafe perché non ha dipendenti a sufficienza».

L'assessore ha anche precisato che «la richiesta dell'opposizione di rinviare l'emendamento in sede di Commissione non poteva essere recepita perché per i Comuni che si trovano in condizioni critiche anche poche settimane sono di vitale importanza. E noi - ha rilevato Callari - abbiamo il dovere di fornire risposte alle amministrazioni municipali che sono in difficoltà». La copertura finanziaria del provvedimento, ha infine spiegato Callari, «non è un problema, visto che non si attribuiscono maggiori risorse finanziarie ai Comuni extra Uti rispetto a quelli che fanno parte delle Unioni. L'emendamento permette, infatti, alle amministrazioni municipali di procedere al turnover a condizione che esse abbiano già in sé le risorse per assumere».

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Funzione pubblica, Callari: «Rimossa norma punitiva per comuni extra-Uti»

TriestePrima è in caricamento