Mercoledì, 27 Ottobre 2021
Politica Molo della Pescheria

"Con la cultura si può mangiare", le proposte di Futura per il rilancio culturale di Trieste

Franco Bandelli e Rina Rusconi illustrano il programma culturale del movimento: tra le proposte un grande evento musicale "Trieste mosaico di culture", che racchiuda la tradizione triestina e le influenze musicali delle storiche comunità del territorio. Si punta anche su itinerari letterari, archeologici, e una promozione turistica fatta di aziende locali

"Con la cultura si mangia" è il motto con cui la lista Futura descrive il suo programma culturale per Trieste, un disegno che punta, tra le varie proposte, su percorsi tematici legati alla ricca storia della città, sia dal punto di vista della letteratura che dell'archeologia, oltre a nuovi eventi musicali e teatrali di richiamo e a una promozione turistica "decentrata".

Secondo l'esponente di Futura Rina Rusconi, "serve un'azione forte da parte del sindaco per puntare su Trieste come città della letteratura, un titolo che abbiamo per merito, indipendentemente dal riconoscimento Unesco, anche per quanto riguarda i nostri autori contemporanei". Rusconi immagina poi una "Trieste città delle statue, con sculture - pedone a tema, un percorso già iniziato dal nostro candidato sindaco e allora assessore Franco Bandelli, che poi non è stato più portato avanti". 

"Vogliamo anche creare un parco letterario in tutta la regione - continua la candidata di Futura -, dove non mancano le suggestioni (grado con Marin, Gorizia con Michaestaedter, Ungaretti con San Martino al Carso, Hemingway con i luoghi della grande guerra e altri). Dal mio lavoro di guida turistica posso assicurare che la cultura crea lavoro, con ricadute sul territorio, i turisti arrivano anche da Austria e Germania in cerca di un percorso letterario". Tra le altre proposte di Futura, il ripristino del parco archeologico di San Giusto, per valorizzare la Tergeste Romana, anche mediante la riqualificazione di Casa Francol e di insegne distribuite in tutto il territorio, con grafica omogenea.

Il movimento di Bandelli lancia inoltre l'idea di un evento musicale in grado di rappresentare la multiculturalità di Trieste, una kermesse musicale intitolata 'Trieste mosaico di culture', in grado di portare la musica folkloristica del territorio ma anche di tutte le comunità che lo popolano (tra cui greca, slovena e balcanica in generale), che coinvolga tutti i rioni e culmini con un grande spettacolo in centro. Un evento da realizzare in collaborazione tutti i teatri triestini e le scuole di musica, con la partecipazione di artisti locali come Andrea Binetti, Bruno Jurcev e Alessio Colautti, che potrebbero mettere in scena spettacoli di operetta, teatro dialettale e canzone d'autore triestina. 

Si auspica poi il ritorno dei grandi eventi musicali e l'organizzazione di mostre sul filone della Mitteleuropa, privilegiando i rapporti storici con Austria, Slovenia e Croazia. "A Trieste, dopo la Barcolana non ci sono altri eventi importanti - ha dichiarato Rusconi -, dobbiamo crearne altri prendendo come esempio Pordenonelegge e Gusti di Frontiera".

Per Bandelli va inoltre ripensato il modello di promozione turistica: "Rivendichiamo la riapertura delle aziende di promozione turistica locale, questa città ha combattuto per l'autonomia, poi la regione ha fagocitato tutto diventando friulanocentrica". Il candidato sindaco, infine, condivide appieno le proposte lanciate in conferenza stampa dall'associazione Triestebella inerenti a '52 idee per una Trieste più bella'. "Siamo lieti di constatare - ha spiegato Franco Bandelli - come gran parte delle loro idee sia già parte integrante del nostro programma elettorale. Tra queste un adeguato utilizzo e la valorizzazione globale del Portovecchio che non dev'esserre uno "spezzatino". Confidiamo pertanto che i cittadini elettori che si identificano con l'associazione possano apprezzare questa identità di vedute, premiando il movimento Futura con la propria preferenza".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Con la cultura si può mangiare", le proposte di Futura per il rilancio culturale di Trieste

TriestePrima è in caricamento