Lunedì, 15 Luglio 2024
Politica

Gioco del Rispetto, Fratelli d'Italia: «Possibile esposto in Procura»

Intervento del referente di Fratelli d'Italia in Consiglio regionale, Luca Ciriani, insieme segretario cittadino Claudio Giacomelli: «Chiederemo alla Regione di cancellare finanziamenti per queste iniziative educative alquanto discutibili»

«Giù le mani dai bambini» Così il referente di Fratelli d'Italia/ Alleanza Nazionale, in Consiglio regionale, Luca Ciriani, insieme al collega referente in Comune di Trieste, Claudio Giacomelli, si è espresso in conferenza stampa nei confronti dell'iniziativa adottata dal Comune di Trieste relativa a un progetto di insegnamento in 45 scuole d'infanzia di Trieste caratterizzato anche da giochi legati alla sessualità, che sta facendo molto discutere il territorio, preoccupato che si vada a manipolare la percezione di genere nei bambini dai 3 ai 6 anni. Alla conferenza stampa hanno partecipato anche Fabio Scoccimarro e Salvatore Porro di Fratelli d'Italia.

«Dato che il progetto non sembra presente nei POF (Piani di Offerta Formativa) delle scuole e che non sia stato richiesto nemmeno il consenso dei genitori - affermano Ciriani e Giacomelli  - non escludiamo di presentare un esposto alla Procura».

«A livello regionale - ha affermato Ciriani - chiederemo alla Regione di cancellare, se presenti, i finanziamenti per queste iniziative educative alquanto discutibili, mentre la presidente Giorgia Meloni, oltre a presentare un'interrogazione parlamentare, si è resa già disponibile a venire a Trieste per denunciare quanto sta accadendo».

«Siamo solo di fronte - aggiunge Ciriani - a una violenza psicologica nei confronti dei bambini. Questa idea ha la stessa impostazione di quelle convinzioni che vogliono eliminare le figure della mamma e del papà per sostituirli con genitore 1 e 2. Fratelli d'Italia si batterà sempre contro queste derive che vogliono fare pressioni psicologiche sui nostri figli».

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Gioco del Rispetto, Fratelli d'Italia: «Possibile esposto in Procura»
TriestePrima è in caricamento