Giorno del ricordo: malumori in Slovenia per il discorso di Mattarella

Molti in Slovenia non sarebbero d'accordo con l'uso del termine "pulizia etnica" e con il fatto che nel discorso non esisteva una chiara condanna dei crimini fascisti. Il presidente Borut Pahor: "13 luglio sarà occasione per creare uno sguardo al passato e un focus comune sul futuro"

Malumori dalla Slovenia per la dichiarazione del presidente Sergio Mattarella in occasione del giorno del ricordo. Come riporta il Primorski Dnevnik, in Slovenia e all'estero molti non sarebbero d'accordo con l'uso del termine "pulizia etnica" e con il fatto che non c'era una chiara condanna dei crimini fascisti.

Anche il presidente sloveno Borut Pahor è intervenuto in merito, sottolineando che "la cerimonia, che si terrà il 13 luglio di quest'anno a Trieste, sarà la migliore opportunità simbolica e reale per uno sguardo al passato e un focus comune sul futuro". Pahor ha ricordato inoltre che lo scorso anno Mattarella gli aveva assicurato che la giornata commemorativa non era rivolta a qualcuno in particolare, ma era un evento che, con i paesi amici della Slovenia e della Croazia, avrebbe enfatizzato il rifiuto comune di tutte le ideologie totalitarie e il rifiuto dell'estremismo nazionalista.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Domenica Mattarella aveva scritto che la dittatura comunista aveva innescato "persecuzioni avvenute in luoghi sotto la maschera della vendetta contro l'oppressione fascista, ma trasformate in una vera e propria pulizia etnica che colpiva selvaggiamente e ampiamente la popolazione indifesa e innocente".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Morto in Costiera, addio al presidente del gattile di Trieste Giorgio Cociani

  • Primo caso a scuola a Trieste, tre docenti e 21 alunni della Gaspardis in quarantena

  • Malore in acqua al Pedocin, morto bagnante di 56 anni

  • Ubriaco spacca una bottiglia sul bancone del bar e aggredisce i colleghi: tassista triestino denunciato

  • Referendum: Trieste la provincia italiana con la più alta percentuale di no

  • Incidente in galleria Carso: quattro auto coinvolte e strada chiusa

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TriestePrima è in caricamento