Sloveno a scuola, Grim (Pd): «Brandi non coglie le opportunità di questa scelta»

«Maggior possibilità di scelta ai giovani e ai loro genitori»

«Spiace rilevare che l’assessore Brandi non colga le opportunità di sbocchi professionali che vengono date alle ragazze e ai ragazzi delle nostre scuole grazie alla scelta di istituire l’insegnamento dello sloveno come seconda lingua comunitaria – commenta la consigliera comunale Antonella Grim -».
«Sono molto lieta di questo provvedimento, che offre maggior possibilità di scelta ai giovani e ai loro genitori. Un risultato atteso e sperato: più volte avevo presentato questa opportunità al Miur» conclude Grim.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Riccardo Scamarcio in piazza Unità: battibecco con Telequattro e poi le scuse

  • Incidente in strada nuova per Opicina: due minorenni feriti, uno grave

  • Terribile schianto in Slovenia, morto sul colpo un triestino di 89 anni

  • Class action contro il "Sogno del Natale", molti triestini chiedono il rimborso dei biglietti

  • Strada nuova per Opicina, terzo schianto in meno di 24 ore

  • Atti osceni in luogo pubblico in corso Saba: nei guai 58enne

Torna su
TriestePrima è in caricamento