Sloveno a scuola, Grim (Pd): «Brandi non coglie le opportunità di questa scelta»

«Maggior possibilità di scelta ai giovani e ai loro genitori»

«Spiace rilevare che l’assessore Brandi non colga le opportunità di sbocchi professionali che vengono date alle ragazze e ai ragazzi delle nostre scuole grazie alla scelta di istituire l’insegnamento dello sloveno come seconda lingua comunitaria – commenta la consigliera comunale Antonella Grim -».
«Sono molto lieta di questo provvedimento, che offre maggior possibilità di scelta ai giovani e ai loro genitori. Un risultato atteso e sperato: più volte avevo presentato questa opportunità al Miur» conclude Grim.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Fvg circondato dalla paura: in Slovenia reintrodotta la quarantena, in Veneto restrizioni da lunedì

  • Bollo auto, chi paga e chi no: le informazioni sulle esenzioni

  • Il virus in Croazia preoccupa Lubiana, al vaglio l'ipotesi di toglierla dalla lista dei paesi sicuri

  • Come ottenere la carta d'identità elettronica a Trieste

  • Caso positivo fa scattare una trentina di tamponi a Trieste: altri sette contagi

  • Scomparsa una bambina di sei anni in Carso: ricerche in corso

Torna su
TriestePrima è in caricamento