menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

«Ideologia gender sempre più presente nelle scuole, deriva va fermata»

Lo rileva Barbara Zilli, consigliera regionale della Lega Nord. Zilli ha presentato alla Giunta, durante un Question Time, il caso di un libro di testo utilizzato in una classe seconda di una scuola elementare di Aviano e anche in una quinta classe di una elementare di Trieste

 «La risposta dell'assessore Panariti è un vero e proprio lavaggio di mani pilatesco».  Così commenta Barbara Zilli, consigliera regionale della Lega Nord, la risposta al suo Question Time sull'insegnamento Gender nelle scuole, ossia l'approccio multidisciplinare allo studio dei significati socio-culturali della sessualità e dell'identità di genere. Zilli ha presentato alla Giunta il caso di un libro di testo utilizzato in una classe seconda di una scuola elementare di Aviano e anche in una quinta classe di una elementare di Trieste che, nonostante le proteste dei genitori e le rassicurazioni degli insegnanti, è stato mantenuto anche se al suo interno si trovi un esplicito riferimento alla teoria Gender.

«Prendo atto che la Regione, secondo le norme costituzionali, non può entrare nel merito delle scelte dei libri di testo. Detto questo, ritengo inaccettabile che la funzione educativa su tematiche così importanti sia in qualche modo scippata alla famiglia e che il valore della famiglia tradizionale sia ormai calpestato, mostrando così ai nostri bambini modelli sociali discutibili».

«Mi risulta invece - dice Zilli - che nelle scuole ci siano già in essere progetti per la lotta al bullismo omofobico, organizzati dall'Arcigay ed esplicitati anche dal direttore dell'Ufficio scolastico regionale. Verificheremo se effettivamente tali progetti siano finanziati dalla Regione o meno». 


«L'emergenza educativa che stiamo rilevando - dice Zilli - impone alle famiglie, e ai genitori in particolare, di impegnarsi in modo attivo nell'esperienza scolastica dei figli. Li esortiamo a tenere alta l'attenzione nei confronti di programmi e testi, perché episodi come quelli di Aviano e Trieste non si verifichino più».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

"Brodo brustolà", antica ricetta della tradizione contadina triestina

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TriestePrima è in caricamento