menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Nicola Delconte

Nicola Delconte

Immigrati, Delconte (Fdi): «Bocciata mozione M5S "estranea alla realtà" a Muggia»

«Serracchiani, Panontin, Telesca e Santoro massacrano il nostro territorio favorendo l’invasione dei migranti, aumentando i canoni Ater, distruggendo la sanità e i nostri comuni»

«Ieri sera a Muggia è andata in onda la solita puntata: la mozione a favore dello Sprar targata Cinque Stelle è stata sonoramente bocciata». Così dichiara a margine della seduta Nicola Delconte, capogruppo Fdi-An, in consiglio comunale a Muggia. «Confusa ed estranea alla realtà come solitamente sono le mozioni cinque stelle, abbiamo ribadito ancora una volta la nostra ferma contrarietà ad ogni forma di accoglienza prevista. Noi, a differenza della sinistra e dei cinque stelle, non sentiamo l’obbligo di aiutare migranti di ogni sorta: la nostra attenzione la rivolgiamo in primis agli Italiani in difficoltà troppo spesso sorpassati, nell’accesso al sociale, da presunti profughi che altro non sono che migranti economici che lucrano sul nostro welfare».

«Dispiace veder astenuta la Lega - si rammarica Delconte - pensavamo avrebbe condiviso la nostra contrarietà. Speriamo in futuro il centro destra rimanga sempre unito nella battaglie a difesa dei nostri cittadini. Scontata l’astensione delle liste civiche: Obbiettivo Comune non ha mai preso una chiara posizione sulla vicenda immigrazione e Mejo Muja fino a ieri era schierata a sinistra. Per noi la coerenza invece è una priorità».

«Sulle Uti arriva un ordine del giorno tardivo e fazioso, targato Pd e company, con cui intendono far sentire la loro voce dissidente coloro i quali hanno sempre votato a favore dell’Uti: troppo tardi cari consiglieri di maggioranza, state piangendo sul latte versato, dovevate pensarci prima. Noi lo abbiamo detto più volte che le Uti saranno un fallimento, come un evidente fallimento è la gestione della Regione da parte del Pd targato Serracchiani-Panontin-Telesca-Santoro che stanno massacrando il nostro territorio e la nostra gente, favorendo l’invasione dei migranti, aumentando a dismisura i canoni Ater, distruggendo la sanità e i nostri comuni. Ovviamente, in segno di protesta - conclude il consigliere - abbiamo deciso di non partecipare al voto».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Torta rustica di polenta e verdure: la ricetta

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Covid: calano isolamenti e ricoveri, a Trieste 167 contagi

  • Cronaca

    Vaccini: sospese le prenotazioni per gli under 60

  • Cronaca

    La Croazia riapre ai turisti: ecco le regole

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TriestePrima è in caricamento