Immigrazione, Stop Prima Trieste: «Necessaria più sicurezza. triestini hanno paura»

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di TriestePrima

Oggi pomeriggio alle 17 Marco Prelz verrà ricevuto in Comune dalla Vice Sindaca Fabiana Martini, per parlare degli ultimi fatti di cronaca accaduti in città in questi giorni da parte di richiedenti asilo.

Parlo di spaccio di stupefacenti e tentativi di violenza sessuale. Rispondo subito a chi mi potrebbe dire ma anche gli italiani fanno questi reati: si infatti ho sempre detto questo, è già dura controllare gli italiani che commettono questi reati, sicuramente lo e ancora di più quando bisogna controllare anche richiedenti in attesa di asilo.

Quindi l'incontro di oggi deve essere costruttivo per far capire all'amministrazione che Prefettura, Regione e Comune si facciano carico di qualsiasi situazione di emergenza relativa a reati commessi da persone in attesa dello status di asilo, altrimenti sarà difficile vivere in città.

Scelte diverse da parte del Sindaco andavano fatte a monte, ne aveva la possibilità stabilendo un tetto massimo che per noi equivale a 150 richiedenti .

Oggi confidiamo di iniziare un discorso di buon senso, facendo capire alle nostre istituzioni che l'accoglienza deve essere ripensata con regoel più ferree controllando in modo più rigoroso le persone che stiamo ospitando

I casi di criminalità sono aumentati ed è naturale che i nostri concittadini comincino ad avere paura. Per noi tutto questo è inaccettabile ed oggi ci auguriamo di trovare nel Vice Sindaca una persona pronta ad ascoltare ma soprattutto risolvere questi fatti, assicurando più sicurezza e più controllo su queste persone che per mio parere sono troppo libere di circolare tutto il giorno senza alcuna restrizioni.

Ci saranno parecchie donne che oggi aderiranno al nostro incontro, aspettando di ricevere da parte nostra delle risposte rassicuranti da parte delle istituzioni.

Marco Prelz

Stop Prima Trieste

Torna su
TriestePrima è in caricamento