Martedì, 22 Giugno 2021
Politica

Inaugurata nuova sede della Regione in via Carducci

Iacop: «Il palazzo è stato ridato alla città, di cui torna a essere parte integrante e funzionale ospitando le direzioni Infrastrutture e Ambiente»

«Il recupero del palazzo della Regione di via Carducci riconsegna alla città un edificio di pregio e consente ai dipendenti regionali delle direzioni interessate di poter lavorare in un ambiente adeguato rispetto alle condizioni in cui operavano nella sede di via Giulia». Queste le parole della presidente del Friuli Venezia Giulia, Debora Serracchiani, in occasione della cerimonia di inaugurazione dell'edificio regionale di Carducci 6 a Trieste, per la quale ristrutturazione sono state richieste anche competenze di alta artigianalità motivate dai vincoli della Soprintendenza sull'immobile.

Il risultato conseguito, come ha evidenziato la presidente, è anche quello di una riconquista della centralità dell'istituzione verso i cittadini che, d'ora in poi, avranno veramente a portata di mano gli uffici delle direzioni regionali infrastrutture e ambiente. Serracchiani ha poi spiegato che l'opera rientra nel piano sedi della Regione che ha consentito di recuperare spazi importanti, come quello di via Carducci, e di risparmiare risorse accorpando le strutture senza consumare suolo.

Da parte sua, l'assessore alle Infrastrutture, Mariagrazia Santoro, ha sottolineato la gestione in house dei lavori che sono stati seguiti internamente dalla direzione regionale competente e, grazie al rapporto diretto con l'impresa, si è riusciti a realizzare in tempi rapidi (meno di due anni) un'opera di grande pregio, che ha compreso il rifacimento dei controsoffitti e di tutti i fregi, oltre all'adeguamento tecnologico degli impianti. Serracchiani e Santoro hanno quindi inteso ringraziare i dipendenti regionali che occuperanno gli spazi della sede di via Carducci per i disagi con i quali hanno finora convissuto in via Giulia.

Alla cerimonia, oltre a Serracchiani e Santoro, hanno partecipato il vicepresidente della Regione, Sergio Bolzonello, l'assessore all'Ambiente, Sara Vito, il presidente e il vicepresidente del Consiglio regionale, Franco Iacop e Paride Cargnelutti, assieme a diversi consiglieri regionali e ad alcuni ex amministratori della Regione. Cinquant'anni fa fu una delle prime sedi del Consiglio regionale, dal 1967 al 1972, poi trasferitosi nell'attuale sede dell'attigua piazza Oberdan.

«Il palazzo del civico 6 di via Carducci, a Trieste, è stato ridato alla città - ha detto Iacop -, di cui torna a essere parte integrante e funzionale ospitando le direzioni Infrastrutture e Ambiente. Qui ricordiamo la storia di un edificio, ma appunto anche di Trieste e non da ultimo delle istituzioni regionali, vicine appieno ai loro cittadini. Durante la Giunta Illy ho lavorato in questo edificio, con l'allora assessore Marsilio, negli ultimi 4 mesi della legislatura».

«Questa visita per me segna dei ricordi molto importanti - continua Iacop - Poter dire, oggi, di aver ridato lustro alle sue facciate, ma soprattutto funzionalità ai suoi spazi significa tenere in considerazione chi, in questi spazi, deve poter accedere e soprattutto lavorare. Un aspetto, quello della funzionalità nonché della messa in sicurezza, sottolineato anche dalla presidente della Regione, Debora Serracchiani, mentre Mariagrazia Santoro, ha parlato di superamento di non poche difficoltà logistiche e di una gara d'appalto impegnativa ma che si è svolta senza contenziosi».

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Inaugurata nuova sede della Regione in via Carducci

TriestePrima è in caricamento