Mercoledì, 23 Giugno 2021
Politica

Iron Maiden, Circolo Miani: «Basta stupri in piazza Unità»

Mentre la città si prepara ad accogliere in piazza le stelle dell'heavy metal e altre star internazionali nei giorni seguenti, il Circolo Miani va controcorrente

Domani sera in piazza Unità l'atteso live degli Iron Maiden, stelle indiscusse dell’heavy metal che saranno a Trieste per l’unico live italiano nel Nordest del “Legacy of the Beat Tour”. Nei giorni seguenti seguiranno i concerti di Steven Tyler e David Byrne. Grande trepidazione da parte dei fan, la città in preparazione con servizio park&bus, percorsi modificati e persino treni aggiunvi.
Ma c'è chi va dichiaratamente controcorrente e dichiara senza mezzi termini: «Basta stupri in piazza Unità! Ai triestini ed ai turisti la piazza e zone limitrofe». Si tratta del Circolo Miani, l'associazione nata nel 1981 proponendo confronti aperti su temi che animano il dibattito sociale-culturale e politico o considerati marginali e non meritevoli d'attenzione.
«Concerti e spettacoli - continua l'associazione - portateli al Molo Quarto, lì vicino in Porto Vecchio.
Ne guadagnate in sicurezza, vivibilità e viabilità
».

«Stupro?- prosegue Circolo Miani su Facebook - Si, perchè esiste quello fisico odioso e vile ma non solo. Quando si espropria, per stoltezza ed incapacità amministrativa o per interesse economico, al di là di quale ne sia il motivo: la musica ne è senz'altro uno dei più nobili, la parte più bella della città alla fruizione ed al piacere dei triestini, e dei turisti, anche questa è una violenza per di più inaccettabile perchè imposta dalle "autorità". Ma quel che è certo la città e soprattutto chi ci vive deve periodicamente vedersi privato il diritto di godere nella sua bellezza artistica ed urbanistica il cuore di Trieste da suk, mercati e giostre che fanno scomparire il lungomare, piramidi di tubi innocenti e per mesi a settimane alterne. Quando la soluzione alternativa praticabile, senza scomodare stadi o palazzetti dello sport, sta a poche centinaia di metri (Molo Quarto)».

«E cominciamo a camminare sulle pietre, - conclude l'associazione - per altro scelte di bassa qualità, guardando in che condizioni l'infelice rifacimento di piazza Unità (ma anche Verdi e Borsa fanno testo) è ridotto. Si uno stupro ed un vandalismo architettonico costante, forse superato in peggio solo dalla defunta Galleria Tergesteo, oggi pizzeria a tutto campo ed odore».

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Iron Maiden, Circolo Miani: «Basta stupri in piazza Unità»

TriestePrima è in caricamento