Politica

Manovra estiva Giunta, Tondo(Ar): «Mancette a cinema e cultura. Zero per sanità e immigrazione»

Renzo Tondo, presidente del gruppo regionale di Autonomia Responsabile, annuncia che nei prossimi giorni arriverà la controproposta di Autonomia Responsabile.

«Una manovra estiva vuota, stanca, incolore. La prospettiva politica è stata sommersa da un esercizio ragionieristico e da calcoli elettorali. Ormai il dibattito interno alla sinistra è monopolizzato dal destino politico della presidente Serracchiani, e il volante della macchina amministrativa è stato consegnato alla burocrazia. Ci avviamo verso una fase finale della legislatura mortificante». Così Renzo Tondo, presidente del gruppo regionale di Autonomia Responsabile, nell’annunciare che «nei prossimi giorni, arriverà la controproposta di Autonomia Responsabile. Per ora, mi sembra doveroso esprimere il mio disappunto per l’ennesima occasione mancata dal Partito Democratico e dall’allegra brigata rossa che lo sostiene. In questa manovra, mi aspettavo concretezza e coraggio: la riforma sanitaria ha generato grossi problemi sia a livello operativo che gestionale, confondendo gli operatori e disorientando i cittadini. Tragici gli effetti della riforma sugli enti locali: serviva un messaggio politico distensivo e lungimirante verso i Comuni, che si trovano con le mani legate. Perché non concedere più libertà finanziaria? Su Friulia, Mediocredito e Autovie Venete, abbiamo una strategia, o ci muoviamo confidando nella buona sorte? Il patto Padoan – Serracchiani è una versione, decisamente peggiorativa, del Tondo – Tremonti: la giunta lo ha capito, finalmente?».

Ancora Tondo: «Servono regole stringenti per la gestione dei profughi: basta parlare di accoglienza, iniziamo a mettere i paletti in ordine a doveri, disciplina e punizioni per chi non rispetta le nostre leggi. Su lavoro, welfare e servizi le norme della giunta regionale hanno fallito su tutta la linea. La verità è, che per la sinistra, è partita la fase in cui si distribuiscono mance e mancette ai settori storicamente amici, in vista della campagna elettorale. In sintesi, cinema e cultura portano voti, quindi vanno ripagati. Triste logica di una sinistra nel caos”. Chiude Tondo: “Proporremo ai cittadini il nostro bilancio estivo, e spiegheremo priorità e obiettivi. Rassicuro i cittadini del Friuli Venezia Giulia: l’avvilente legislatura Serracchiani sta per finire. La presidente ha già in mano un biglietto di sola andata per Roma, e lascia al centrodestra l’ingrato compito di ricostruire, partendo dalle sue macerie»

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Manovra estiva Giunta, Tondo(Ar): «Mancette a cinema e cultura. Zero per sanità e immigrazione»

TriestePrima è in caricamento