rotate-mobile
Politica

Sanità, Stabile (FI): «Accanimento della Regione contro i medici»

«I medici dello SCA, chiamati una volta guardia medica, devono essere messi in condizione di lavorare in piena sicurezza ed essere retribuiti in modo dignitoso»

«Continua l’accanimento della Regione contro i professionisti del sistema sanitario pubblico. Ora sono presi di mira i medici della continuità assistenziale (SCA), una volta chiamata guardia medica. Sono quei professionisti che lavorano di notte e durante i week end per assicurare la continuità assistenziale nelle ore in cui i medici di famiglia non lavorano». Lo afferma la candidata di Forza Italia per il Senato Laura Stabile.

«Questi medici - prosegue - operano in condizioni difficilissime, lasciati soli ogni notte ad “arrangiarsi”, essendo privi di veri riferimenti organizzativi, perché la riforma sanitaria si è sostanzialmente dimenticata di loro. Dopo averli investiti anche di compiti che non spetterebbero a loro, come l’assistenza nelle RSA, nelle carceri, nei Centri per richiedenti asilo, gli viene decurtato lo stipendio. Quindi del tutto condivisibile lo stato di agitazione».
«I medici dello SCA - conclude Stabile - sono una componente essenziale del sistema sanitario pubblico, quindi devono essere messi in condizione di lavorare in piena sicurezza ed essere retribuiti in modo dignitoso».

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sanità, Stabile (FI): «Accanimento della Regione contro i medici»

TriestePrima è in caricamento