Martedì, 22 Giugno 2021
Politica

Mediocredito, Zilli: «Aumento di capitale per rafforzare l'Istituto»

«Rappresenta un passaggio importante a vantaggio dell'intera comunità regionale»

«Si è compiuto oggi un altro tassello importante nel percorso di ristrutturazione straordinario della Banca Mediocredito che consente di dare quella solidità all'istituto per permettergli di esercitare un ruolo rilevante a favore dello sviluppo delle nostre imprese».
Lo ha dichiarato l'assessore al Bilancio e Patrimonio del Friuli Venezia Giulia Barbara Zilli, oggi a margine dell'assemblea di Banca Mediocredito che ha approvato all'unanimità la proposta di aumento di capitale e le modifiche statutarie da adottare in vista dell'integrazione con il gruppo bancario Iccrea

«Si tratta di un'azione che permette di mettere in sicurezza l'istituto - ha dichiarato - e che dà attuazione all'accordo quadro sottoscritto a dicembre da Mediocredito, Regione, Fondazione Cassa di Risparmio di Trieste, Iccrea Banca Spa e Iccrea Banca Impresa Spa. Un accordo - ha aggiunto Zilli - che prevede una nuova architettura della compagine sociale. La nuova composizione del capitale dell'istituto, una volta portata a termine l'operazione, sar? composta dalla Regione con una quota del 47 per cento, dal Gruppo Iccrea con il 51,5 per cento e altri soci minori con l'1,5 per cento».

Per l'assessore, Mediocredito è uno strumento utile che potrà contribuire allo sviluppo economico del territorio.
«L'operazione odierna rappresenta un passaggio importante a vantaggio dell'intera comunità regionale» ha concluso Zilli ringraziando tutti gli attori che hanno lavorato per il risultato di oggi.
L'assemblea ha anche approvato il nuovo testo dello statuto così come autorizzato dall'Autorità di vigilanza. Le modifiche riguardano in particolare la nuova governance, che prevede un Cda composto da 5 membri, di cui 3 nominati dal Gruppo Iccrea e 2 dalla Regione Fvg tra i quali il presidente.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Mediocredito, Zilli: «Aumento di capitale per rafforzare l'Istituto»

TriestePrima è in caricamento