menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Menis (5 Stelle - Consiglio Comunale): Mozione. Strumenti per Favorire la Partecipazione dei Cittadini alle Decisioni dell'Ente

Riceviamo dal Movimento 5 Stelle Trieste e pubblichiamo:MOZIONE ai sensi dell’art. del “Regolamento per il funzionamento del Consiglio Comunale di Trieste”Oggetto: Strumenti per favorire la partecipazione dei cittadini alle decisioni dell’ente...

Riceviamo dal Movimento 5 Stelle Trieste e pubblichiamo:

MOZIONE ai sensi dell'art. del "Regolamento per il funzionamento del Consiglio Comunale di Trieste"
Oggetto: Strumenti per favorire la partecipazione dei cittadini alle decisioni dell'ente locale
Considerato:
che la partecipazione all'elaborazione e alla formazione delle politiche locali è un diritto di tutti i cittadini e che risulta crescente la loro richiesta di poter incidere direttamente e concretamente sulle decisioni del Comune; che già alcuni enti locali si sono dotati di strumenti specifici per rendere fattiva e concreta questa partecipazione; tra gli interventi normativi si ricorda la legge n. 69 della Regione Toscana del 27 dicembre 2007; che l'introduzione di strumenti, istituti e spazi, fisici e virtuali, di confronto consentirebbe di prevenire e ridurre i conflitti che nascono sul territorio e che molto spesso vedono su fronti contrapposti comitati di cittadini e rappresentanti delle istituzioni; che i processi partecipativi, in quanto promuovono soluzioni condivise sulle politiche di gestione del territorio, contribuiscono alla tutela e valorizzazione del patrimonio ambientale, storico, artistico e paesaggistico locale.
Visto: la Convenzione di Aarhus sull'accesso alle informazioni, la partecipazione del pubblico ai processi decisionali e l'accesso alla giustizia in materia ambientale, sottoscritta dall'Italia il 25 giugno 1998;
la decisione del Parlamento Europeo e del Consiglio d'Europa del 12/12/2006 n. 1904/2006/CE che ha istituito il programma "Europa per i cittadini" mirante a promuovere la cittadinanza europea attiva;
l'art. 8 del d. lgs 267/2000 (testo unico delle leggi sull'ordinamento degli enti locali), che garantisce la partecipazione popolare alla vita politica;
l' art. 5 dello Statuto del Comune di Trieste che prevede che il Comune garantisca "la partecipazione dei suoi cittadini alle scelte politiche ed all'attività amministrativa";
l' art. 10 dello Statuto del Comune di Trieste che disciplina gli istituti dell'istanza, della petizione e della proposta
le linee programmatiche del sindaco Roberto Cosolini che includono, a pagina 4, un capitolo sulla "Partecipazione" e che prevedono tra l'altro l'attivazione di "strumenti di consultazione, negoziazione e partecipazione di comunità locali e stakeholders alla costruzione di piani e progetti
MOVIMENTO 5 STELLE TRIESTE
Il Consiglio comunale di Trieste impegna il presidente del Consiglio
- a promuovere l'iter per la redazione di un regolamento che consenta e disciplini lo svolgimento del dibattito pubblico nelle commissioni e in Consiglio Comunale, con
particolare riguardo a temi aventi oggetto opere rilevanti per il territorio comunale
- a promuovere l'iter per le necessarie modifiche al "Regolamento per il funzionamento del Consiglio Comunale di Trieste" al fine di poter consentire la formulazione, la proposizione e la sottoscrizione di petizioni via internet, cosiddette "petizioni on line"


Paolo Menis

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Torta rustica di polenta e verdure: la ricetta

Salute

Controlli gratuiti per le donne: torna l'H-Open Week di Onda

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Johnson&Johnson in Fvg: oltre 3500 dosi in arrivo il 15 aprile

  • Cronaca

    Covid: giù ricoveri e tasso di positività, boom di guariti

  • Cronaca

    Malore fatale in casa a 65 anni: ritrovato quattro giorni dopo

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TriestePrima è in caricamento