Giovedì, 28 Ottobre 2021
Politica

Paolo Menis (M5s) incontra la Fipe: «Necessarie azioni condivise per rilanciare Trieste»

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di TriestePrima

Incontro, tra il candidato sindaco del MoVimento 5 Stelle Paolo Menis e una delegazione della Fipe (Federazione Italiana Pubblici Esercizi) di Trieste. L’appuntamento è stato l’occasione per fare insieme il punto sulle esigenze della categoria e del salto di qualità che deve fare il rapporto tra i titolari di pubblici esercizi e l’amministrazione comunale. 

«Non si può ripensare ad un rilancio di Trieste che non passi anche da un rilancio delle sue piccole e medie attività, cercando di garantire sul territorio tutte le condizioni affinché possano operare al meglio – ha esordito Paolo Menis. Proprio per questo – ha proseguito - credo che sia necessario lavorare gomito a gomito con chi vive tutti i giorni i problemi reali di cosa voglia dire fare impresa, cercando di coinvolgerlo il più possibile nelle scelte che lo riguardano e lo riguarderanno, e penso che anche la futura amministrazione di Trieste dovrà fare questo”. È emerso, quindi, come sia auspicabile istituire un comitato e un tavolo di consultazione permanente con Fipe, ma anche con le altre categorie, per discutere insieme delle proposte e trovare congiuntamente una quadra sui problemi. “Non è più possibile – hanno concluso tutti gli interlocutori, tra cui anche il Presidente Fipe Bruno Vesnaver -  imporre dall’alto ordinanze e regolamenti, come è capitato nel caso dei dehors o delle norme sulla Movida in città, che sono state presentate a chi le doveva applicare solo una volta approvate dalla Giunta».

Il MoVimento ha poi espresso quelli che saranno alcuni dei provvedimenti che intende applicare nel caso di vittoria alle prossime elezioni comunali: dalla diminuzione della TARI per coloro che prendono in affitto un locale commerciale sfitto da oltre 3 anni, alla semplificazione burocratica per pratiche e riscossione dei tributi, oltre alla creazione di un fondo per il microcredito, che possa finanziare nuove attività o aiutare quelle in difficoltà. Altra questione che potrebbe portare vantaggi alla categoria e sulla quale il MoVimento si sta già impegnando, è quella di creare una convenzione tra il Comune e la Siae per semplificare e far risparmiare sui diritti musicali degli eventi organizzati in città, andando ad aggirare il rimpallo continuo e le risposte spesso contraddittorie che vengono dai diversi uffici territoriali.

Piena sintonia c’è stata poi con il Presidente della Fipe Vesnaver sulla necessità di una programmazione a lungo termine sul piano turistico e culturale. «Proprio per questo – ha spiegato Menis - il MoVimento proporrà un unico assessorato alla Cultura e al Turismo, convinti che i due ambiti si integrino tra di loro e debbano necessariamente essere portati avanti insieme, anche con il ripensamento di un soggetto come Promotrieste, che oggi è una scatola vuota che non fa vera promozione turistica della nostra città, ma si limita, paradossalmente, alla sola gestione della Stazione Marittima».

I difficili rapporti con AcegasApsAmga, poi, sono stati un altro degli argomenti trattati: i servizi offerti sono scarsi e insufficienti, le bollette spesso sovrastimate o addirittura errate e tutto questo porta via un sacco di tempo e di energie a chi invece dovrebbe impiegarle nella propria attività. Per chi fa ristorazione poi, è stato rilevato, non esiste un servizio di smaltimento dei grassi da cucina che devono essere trasportati, dopo essere stati analizzati, in un centro specializzato a Padova, con grossi costi per gli esercenti che si devono sobbarcare anche questa spesa, che è superiore a 1000 euro per ogni operazione: una questione che può sembrare secondaria ma della quale il M5S si interesserà per cercare di rendere la vita più facile ad una categoria già vessata da tasse, burocrazia, regole e obblighi: «Mi interesserò direttamente con AcegasApsAmga – ha detto il candidato sindaco del M5S, Paolo Menis – perché sul territorio venga istituito un servizio di questo tipo, per venire incontro alle esigenze degli esercenti».

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Paolo Menis (M5s) incontra la Fipe: «Necessarie azioni condivise per rilanciare Trieste»

TriestePrima è in caricamento