menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Migranti minori non accompagnati, Ziberna (FI): «Serracchiani fallimento completo, costi incapacità sui cittadini»

Il vice capogruppo di Forza Italia in Consiglio Regionale, Rodolfo Ziberna, sulla gestione dei migranti minori non accompagnati da parte della Regione

Rodolfo Ziberna, vice capogruppo di Forza Italia in Consiglio Regionale sulla questione dei migranti minori non accompagnati: «La Regione rimborsi i comuni con più di 15mila abitanti dell’intero costo dei minori non accompagnati anziché far pagare ai cittadini i costo delle proprie incapacità. Forza Italia presenta un ordine del giorno».

«Appare evidente che la gestione dei migranti portata avanti da questa Regione sta creando divisioni e problemi ai sindaci in particolare a quelli di città con più di 15 mila abitanti che si trovano spese aggiuntive» - continua ancora Ziberna - «La Serracchiani scarica le responsabilità sui Sindaci che devono togliere risorse importante ai cittadini. Per i comuni sopra i 15 mila abitanti viene rimborsato solo l'80%, una situazione intollerabile. Il primo impegno che possiamo prendere è di impegnare la giunta a restituire il 100% di quanto viene investito dai municipi. Per questa ragione durante la discussione della Legge di Stabilità regionale presenterò un ordine del giorno volto ad eliminare questa disparità di trattamento degli enti locali».

«Non posso che sposare le parole del Sindaco Romoli, che ha già protestato più volte di fronte a un atteggiamento della Regione che fa bella figura con le amministrazioni più piccole, rimborsate per intero della spesa per l'accoglienza dei minori, mentre sui Comuni più grandi ricadono impegno e costi. È peraltro evidente - ancora Ziberna - che i minori non accompagnati si dirigono, o meglio vengono fatti dirigere, verso le città più grandi e più preparate alla loro accoglienza problematica. La gestione dei profughi, a partire dal governo Renzi e a caduta sulla giunta Serracchiani è un fallimento completo senza contare che i costi che vengono resi noti sono di 4 miliardi di euro ma non si conteggiano gli oneri di ordine pubblico, costi sociali, giudiziari, sanitari e diversi altri. Non è possibile che i costi di questa incapacità debbano ricadere sui cittadini delle città maggiori e non invece sul bilancio della regione!» conclude dunque il consigliere Ziberna.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Festa della mamma: origini e curiosità

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TriestePrima è in caricamento